15 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 15 Maggio 2021 alle 14:20:20

Cronaca

​«Il Comune si prepari alla stagione balneare»​

​Le parole della consigliera comunale Floriana de Gennaro​


Floriana de Gennaro

Anche quest’anno, con l’approssimarsi della
bella stagione, in Consiglio comunale si è tornato a parlare di
spiagge pubbliche e, più in particolare, dell’annoso problema
del Viale del Tramonto a San Vito.

Nella sua interrogazione
la consigliera comunale Floriana de Gennaro, ha nuovamente
chiesto all’Amministrazione di attivarsi per non farsi trovare
impreparata all’arrivo della stagione balneare, in particolare rispetto ai nuovi obblighi imposti dalla normativa più
recente.

«L’ordinanza balneare 2019 prevede che i Comuni
debbano obbligatoriamente assicurare sulle spiagge libere
l’igiene, la pulizia, la raccolta dei rifiuti, anche attraverso
l’installazione di cartelli e avvisi tesi a sensibilizzare sul non
abbandonare i rifiuti. Bisogna operare per tempo una programmazione infrastrutturale – ha sottolineato Floriana de
Gennaro – prevedendo sulle spiagge l’installazione di cestini
dei rifiuti, posaceneri, cassonetti per la raccolta differenziata,
isole ecologiche che non deturpino la fruibilità della costa e
le attività commerciali, idonea segnaletica e, infine, campagne di sensibilizzazione dei cittadini per preservare un loro
bene. Tra gli interventi di pulizia periodica delle spiagge
libere bisogna prevedere anche quelli di deblattizzazione e
di derattizzazione, nonché quelli per rimuovere le alghe in
putrefazione che emanano odori sgradevoli, problema già
presente sul Viale del Tramonto.

Tra gli obblighi imposti
dall’Ordinanza Balneare 2019 ai Comuni c’è anche quello,
troppo spesso disatteso, di dotare le spiagge libere di passerelle a favore dei disabili – sul quale Floriana de Gennaro ha
chiesto il massimo impegno dell’Amministrazione comunale. La consigliera ha infine chiesto al Comune di «prepararsi
per far applicare fin da questa stagione il divieto di utilizzo
di piatti e posate in plastica negli stabilimenti balneari».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche