Cronaca

Stefàno: Ora decido io. No ai rimpasti


 

Il Pd chiede un vertice mentre in Consiglio continuano le grandi manovre per preparare l’avanzata dei fedelissimi del sindaco. C’è fermento nella maggioranza consiliare in vista del summit chiesto dal Partito democratico. Sarà un incontro di fondamentale importanza per gli equilibri dell’Amministrazione guidata da Stefàno.

 

In una nostra intervista, il primo cittadino, mette in chiaro che sarà lui a decidere, anche nel caso in cui, dai “democratici”, dovesse arrivare la richiesta per un azzeramento o per un rimpasto dell’attuale Giunta.

 

Sindaco, le risulta che qualche consigliere di maggioranza stia cercando di mettere in piedi un nuovo gruppo consiliare? Secondo i ben informati, l’operazione sarebbe sponsorizzata dall’ex vicesindaco Cataldino.
“Non c’è nulla di fondato, almeno per quanto di mia conoscenza. Forse si tratta soltanto dei desideri di qualcuno che comunque non mi ha mai comunicato nulla di tutto questo”.

Però, mettendo da parte le indiscrezioni, dovrà far fronte alle richieste del Pd.
“Sarà programmato un incontro che tratterà i temi che riguardano la città. Il documento del Pd dice, in maniera chiara, che l’intento è quello di discutere delle priorità”.

 

In verità in quella nota si fa riferimento anche a “criteri e modalità” di scelta.
“Mettiamo subito le cose in chiaro: la facoltà di scelta spetta al sindaco. E’ evidente che, in democrazia, si ascolta il parere di tutti, ma alla fine è il sindaco che decide”.

 

E se dal Pd dovesse giungere una richiesta mirata ad avviare un azzeramento o un rimpasto della Giunta?
“Rimarrei sorpreso, perché nessuno me ne ha mai parlato”.

 

Chiaro, ma dopo la sorpresa?
“Risponderei no. Il rimpasto si fa quando ci sono delle inefficienze. In questo caso non ne vedo, anzi”.

 

E per quanto riguarda l’assessore in quota a La Puglia per Vendola?
“La nomina dell’assessore de La Puglia per Vendola fa parte di quegli argomenti da trattare nel corso dell’incontro. Se la maggioranza vorrà fare una eccezione non ci saranno problemi”.

 

Si riferisce alla nomina di un assessore esterno indicato dal movimento?
“Certo. In caso contrario nominerò un assessore di mia fiducia. Io nomino chi voglio, non applico il “manuale Cencelli””.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche