28 Novembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2021 alle 18:20:00

Cronaca

Inquinamento ed infertilità, 42 donne presentano un esposto in Procura


 

 

“Indagini epidemiologiche per verificare il nesso di causalità tra le emissioni inquinanti degli impianti Ilva e l’insorgere di patologie quali l’endometriosi e l’infertilità”. E’ quanto chiesto alla Procura della Repubblica di Taranto dai responsabili del Comitato ambientalista ‘Taranto Lider’, insieme a 42 donne con problemi all’apparato riproduttivo.

 

Il Comitato e le donne firmatarie della denuncia “ritengono – è detto in una nota – che ci sia un elevato rischio anche per le generazioni future, in quanto, studi accreditati spiegano come le sostanze inquinanti, quali la diossina, creino mutazioni del Dna con effetti patologici a lungo termine e con caratteri di ereditarietà”.

 

Tante donne “fanno fatica – si legge ancora nell’esposto presentato in Procura – ad ammettere anche con loro stesse di essere colpite da una patologia non riconosciuta e che potrebbe creare ostacoli e pregiudizi in campo lavorativo. Se gli accertamenti e i controlli rinvenissero questi agenti inquinanti nell’area di Taranto e dalle indagini si evidenziasse che le immissioni si sarebbero potute evitare con la normale cautela, il reato che si delineerebbe sarebbe un reato di tipo sostanziale, quale il disastro ambientale, e sarebbero da valutare anche comportamenti omissivi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche