21 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 21 Ottobre 2020 alle 06:40:34

Cronaca

Inchiesta Ilva, Archinà resta in cella


 

Nuovo no alla libertà per l’ex pierre dell’Ilva Girolamo Archinà. E’ arrivata stamattina la decisione del tribunale dell’appello, al quale i legali dell’indagato, avvocati Gianluca Pierotti e Giandomenico Caiazza, si erano rivolti dopo il no del gip alla scarcerazione.

 

Una richiesta arrivata a seguito della presentazione di nuova documentazione nel corso dell’interrogatorio di garanzia dopo l’arresto, il 26 novembre.

Al gip Todisco gli avvocati avevano presentato della ‘prove contabili’ che però non avevano convinto il giudice delle indagini preliminari. Oggi la decisione dell’appello; il Riesame si era già pronunciato in maniera negativa su un’altra richiesta.

 

Intanto, in fabbrica la tensione è altissima, in attesa di un altro verdetto, quello dell’appello sulla richiesta dell’Ilva di dissequestro dei coils e semilavorati prodotti prima del sequestro dello scorso novembre. Questa mattina, informano poi i Cobas, circa un centinaio di operai in cassa integrazione del Tna/1 e di altri reparti hanno manifestato all’esterno della portineria della direzione chiedendo un incontro con l’azienda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche