25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 07:30:39

Cronaca News

Un arresto per incendio boschivo: voleva uccidere le zanzare

Un 45enne arrestato dalla Polizia di Stato

Parco del Mirto
Parco del Mirto

Accende un fuoco al Parco del Mirto per uccidere le zanzare: arrestato dalla Polizia di Stato. La Polizia di Stato ha fermato un 45enne tarantino per il reato di incendio boschivo.

Grazie alla tempestiva segnalazione di un cittadino, fatta al 113 e alla sala operativa dei Vigili del Fuoco, è stato possibile intervenire evitando il peggio. L’uomo, infatti, affacciandosi alla finestra della propria abitazione prospiciente il Parco del Mirto, si è accorto di una colonna di fumo e della presenza di una persona che, con frequenza, si spostava tra il fumo e l’area circostante. Visto che già in passato l’area è stata più volte interessata da incendi ha immediatamente provveduto a lanciare l’allarme. Sul posto è intervenuta la Squadra Volante che ha riscontrato sia la colonna di fumo, generata da un cumulo di rami secchi, sia l’uomo che cercava di spegnere le fiamme, utilizzando altri rami secchi raccolti da un albero.Alla richiesta delle generalità da parte degli agenti, l’uomo ha dichiarato di aver appiccato le fiamme con lo scopo di uccidere le zanzare. Intanto sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco i quali si sono adoperati per spegnere le fiamme e mettere in sicurezza l’area.

I poliziotti hanno così proceduto alla perquisizione dell’uomo. I controlli hanno consentito di rinvenire all’interno di un sacchetto di plastica, un accendino di colore bianco che si trovava a tre metri di distanza dal braciere, un telefono cellulare, qualche spicciolo e un fazzoletto di carta contenente erbette di campagna. Da un sopralluogo dell’area è emersa la presenza, a circa due metri, di due tronchi di alberi che presentavano la corteccia bruciata mentre a tre metri di distanza si trovavano rami di alberi piantumati, alti circa cinque metri, secchi e quindi, facilmente infiammabili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche