23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 07:08:31

Baraccamenti cattolica
Baraccamenti cattolica

 

Parcheggi, teatro e convenzione con l’ospedale militare. All’indomani del tavolo a Roma non si fanno attendere i commenti della città. A prendere posizione è Confcommercio che sofferma la sua attenzione sulla problematica dei parcheggi in centro non nascondendo qualche dubbio: il traguardo si può considerare davvero raggiunto?

 

“’Via libera alla bonifica del Mar Piccolo, alla dismissioni delle aree demaniali, e ad alcuni altri importanti progetti’. Così il sindaco Ippazio Stefàno, dopo un incontro a Roma con i rappresentanti del Governo. Giustamente soddisfatto, il primo cittadino fa sapere che i provvedimenti (si tratta di cinque aree di intervento) partiranno a breve” Il primo in agenda è un incontro relativo alle aree demaniali con gli organi regionali.
Ma non mancano le riserve. “Le notizie frammentarie, rese attraverso i servizi degli organi di informazione, non rivestono per ora il carattere dell’ufficialità dunque non è dato di conoscere modalità operative, tempistica, interlocutori a livello governativo” scrive l’Ascom. “Sembrerebbe infatti che il Prefetto di Taranto coordinerà a livello locale il tavolo tecnico per la gestione operativa degli interventi e per il raccordo tra le parti coinvolte.

Tutto bene se non fosse che il periodo, in piena campagna elettorale e con un governo dimissionario, fa temere che questi impegni non trovino poi a breve concreta attuazione, considerato quanto tempo è ad esempio occorso, e non si era ancora in presenza di un governo in crisi, per arrivare alla nomina del commissario per le bonifiche dell’Ilva. Dunque, entusiasmo sì, ma rimanendo con i piedi ben piantati per terra, senza cioè perdere di vista gli aspetti operativi attinenti il ‘chi fa cosa e che’”.

 

Dall’associazione dei commercianti anche qualche suggerimento.

 

“Per quanto concerne la progettualità che dovrà supportare le varie aree di intervento dal capitolo del ritorno alla città delle aree demaniali e della loro nuova destinazione d’uso, da sempre sollecitata da Confcommercio, alla bonifica del Mar Piccolo, ed alla logistica, sarebbe opportuno che il sindaco avviasse una fase di confronto con i soggetti – come le rappresentanze di categoria – che sono più direttamente coinvolte nella nuova programmazione territoriale e con i portatori di interesse (gli stakeholder). Sarebbe un delitto se si bruciasse un’opportunità, che ben difficilmente potrà ripetersi, andando a realizzare progetti non pienamente rispondenti ai bisogni del territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche