Cronaca

Appartamenti del Comune. La metà occupati abusivamente


TARANTO – Circa quattrocento delle mille case di proprietà comunale distribuite sul territorio tarantino sono occupate dagli abusivi. Sono i primi dati che emergono dal censimento che l’amministrazione comunale ha attivato nei quartieri di Paolo VI, Città Vecchia e Tramontone. Molti degli appartamenti di proprietà comunale sono stati “visitati” dai vigili urbani che hanno potuto registrare le generalità di chi vi abita. Si tratta in buona parte famiglie in difficoltà economica e con figli minori a carico.

I dati rilevati dagli agenti di polizia municipale ora saranno incrociati con quelli dell’ufficio del Patrimonio del Comune per verificare quante delle famiglie residenti nei mille appartamenti sono autorizzate. Ma il dato che emerge dai primi controlli è allarmante. Circa la metà degli appartamenti risulterebbero, infatti, occupati abusivamente. Il Comune ha attivato i controlli dopo che, in diverse occasioni, i vigili hanno dovuto far sgomberare le famiglie per situazioni di sicurezza (stabili pericolanti) o per igiene. La situazione è più che grave, perchè se dal Patrimonio dovessero confermare il dato dei rilievi dei vigili urbani significherebbe far sgomberare oltre quattrocento famiglie. Un’operazione che finirebbe per allungare la scia di quanti ogni giorno si rivolgono agli uffici comunali per chiedere un “tetto”. A questi si aggiungono coloro che, sempre il Comune, sta per “mettere fuori” in appartamenti o stabili confiscati alla mafia. Intere famiglie che rimarrebbero senza un tetto. Ecco che dal Comune studiano le mosse per superare l’emergenza. In pentola starebbe per bollire l’istanza da rivolgere all’assessore regionale Angela Barbanente per un condono alle famiglie in gravi difficoltà e con minori a carico.

Maria De Bartolomeo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche