L'appuntamento

Young Business Talent, tre tarantini in finale

Ecco gli studenti impegnati nel simulatore d’impresa

Cronaca
Taranto giovedì 05 aprile 2018
di La Redazione
Young Business Talents
Young Business Talents © n.c.

Il conto alla rovescia è iniziato: mancano ormai pochi giorni alla finale di Young Business Talents (Ybt), il programma formativo basato su un simulatore d’impresa che permette ai giovani di prendere decisioni all’interno di un’azienda. Il progetto è organizzato da Nivea.

Il simulatore d’impresa è realizzato dalla software house Praxis Mmt. Dei 5.550 ragazzi iscrittisi (in aumento di quasi il 50% rispetto allo scorso anno), che hanno dato vita a 1.559 squadre – altrimenti dette “aziende virtuali” – in gara, e dei 3.756 semifinalisti scremati a gennaio, in 272 hanno conquistato la finale, in programma venerdì 6 aprile a Sesto San Giovanni (Mi), presso Spazio Mil. Tre finalisti sono tarantini e provengono dall’istituto Leonardo Da Vinci di Martina Franca. I finalisti provengono da 15 regioni italiane: Abruzzo (provincia di Teramo), Calabria (Catanzaro), Campania (Avellino, Caserta e Napoli), Emilia-Romagna (Modena), Friuli-Venezia Giulia (Trieste), Lazio (Frosinone e Roma), Liguria (Savona), Lombardia (Brescia, Lecco, Milano e Monza-Brianza), Marche (Pesaro-Urbino), Piemonte (Novara, Torino e VerbanoCusio-Ossola), Puglia (Bari, Brindisi, Lecce e Taranto), Sicilia (Agrigento, Messina, Palermo e Ragusa), Toscana (Siena), Trentino-Alto Adige (Bolzano e Trento) e Veneto (Padova, Rovigo, Treviso, Venezia e Verona).

Le squadre sono 75, le scuole 48, e la provincia che ne ha fornite di più è, come l’anno scorso, quella di Roma (9). Alla città metropolitana della capitale spetta anche il primato del numero di finalisti (61), seguita da Treviso (26), Ragusa (15), Bari (12) e poi da tutte le altre. Questa quinta edizione di Young Business Talents è la seconda a tenersi in Italia dopo l’entrata in vigore della nuova legge di riforma n° 107/15 (altrimenti detta “la buona scuola”), che all’art. 1 dal comma 33 al comma 44 introduce e regolamenta l’obbligo di alternanza scuola-lavoro per tutti gli alunni del triennio delle scuole secondarie di secondo grado nella misura di 200 ore nei licei e 400 ore negli istituti tecnici e professionali, fruibili anche durante il periodo di sospensione dell’attività didattica e all’estero. L’utilizzo del simulatore e la partecipazione all’iniziativa valgono 120 ore nel contesto dell’Alternanza Scuola Lavoro.

Lascia il tuo commento
commenti