Cronaca

L’avvocato di strada a difesa dei senza tetto


Un legale che offre gratuitamente la sua professionalità ai senza tetto. E’ questa la figura dell’avvocato di strada presentata stamattina, sabato 2 febbraio, nel convegno “Vite a margine: sulla strada dell’inclusione”, moderato dal presidente del tribunale Antonio Morelli.

 

L’incontro alla Scuola forense è stato patrocinato dall’ordine degli avvocati di Taranto e organizzato dalla Onlus “Nessuno Escluso”, nodo provinciale della rete “Avvocato di Strada” che dal 2002 offre tutela legale gratuita agli “invisibili”, nell’ambito del progetto “Diritti a sud”.

 

A confronto istituzioni e professionisti sul tema dei senza fissa dimora, fenomeno in preoccupante crescita in un contesto nazionale di emergenza economico-sociale e di attualità locale. Ad aprire la conferenza (un momento nella foto dello Studio R. Ingenito) é stato monsignor Filippo Santoro che dichiara: “Taranto ha qualcosa di positivo da proporre, non solo problemi. Questa iniziativa nasce per aiutare chi è ai margini della società, ma che ne fa parte integrante, i senza tetto. Dobbiamo ricordarci che nessuno è periferia, siamo tutti centro. Questo significa che c’è speranza per tutti e con certezza c’è speranza anche per la nostra città”.

Un convegno che si svolge in un momento di crisi economica. “Gli ultimi diventano sempre di più – afferma il presidente dell’Ordine degli avvocati di Taranto, Angelo Esposito – e questo convegno segna un momento importante nell’evoluzione della professione forense, fatta di amore, dedizione e carità. Per questo motivo noi siamo a disposizione delle iniziative di Avvocati di strada”. Anche nel capoluogo jonico, quindi, nasce lo sportello di Avvocato di strada, un progetto che è già stato attivato in altre città italiane.

 

“Questo progetto garantisce la difesa dei più deboli – sottolinea il segretario nazionale dell’Associazione nazionale magistrati Maurizio Carbone – e con la crisi economica ci sono sempre più casi di marginalità. La giustizia deve farsi carico di tutti”. A spiegare i dettagli del progetto Antonietta De Fazio, presidente pro tempore di “Nessuno Escluso”: “Si tratta di un progetto in rete per 31 città italiane. Dal 2006 ad oggi, forniamo assistenza giuridica gratuita per chi non ha fissa dimora e vive in strada, nelle stazioni o nei dormitori”. Al convegno sono intervenuti anche gli assessori Massimiliano Stellato e Lucia Viafora, il dirigente Asl Antonio Ursi e Rocco Termite, capitano della locale sezione di polizia ferroviaria.

 

“Pensiamo che tutti debbano poter esercitare i loro diritti – conclude Antonio Mumolo, presidente della rete nazionale “Avvocato di Strada” – e il compito dell’associazione è dare assistenza legale a chi non può permettersela, un gesto di solidarietà per aiutare perché essere poveri non significa essere poveri di diritti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche