14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Cronaca

Parcheggi, prove tecniche di dialogo?


TARANTO – Non c’è ancora nulla di ufficiale. Ma l’ipotesi che sui parcheggi in centro ci potrebbe essere un incontro tra il Comune e i commercianti non è remota. La carenza cronica di posti per le macchine in centro, acuita dall’ultima sottrazione in fatto di strisce blu – quelle che sono state cancellate da piazza Carmine – è stata la classica goccia che ha fatto traboccare il vaso. Commercianti e residenti – e come loro chi lavora in centro – sono esasperati. Si sono riuniti nel comitato “Borgo tra commercianti e residenti”. Hanno annunciato iniziative di protesta, affiancati da Confcommercio. Così il loro portavoce, l’avvocato Ciro Parisi.

“Se ci chiamano noi siamo disponibili. Finora non abbiamo ricevuto nessuna convocazione ufficiale. La nostra vuole essere una battaglia costruttiva”. E se da un lato non si abbandona l’idea della rivolta – lunedì ci sarà un nuovo incontro, fa sapere Parisi, al quale probabilmente prenderanno parte oltre a Confcommercio anche i rappresentanti di Confartigianato che pure sta supportando la petizione avviata contro la determina dirigenziale che ha reso la piazza isola pedonale – dall’altro si fa un ragionamento di tipo propositivo. “Con la petizione abbiamo raccolto già un migliaio di firme. E stiamo valutando la fattibilità del ricorso contro la determina dirigenziale di chiusura al traffico di piazza Giovanni XXIII (ci sono 60 giorni dal 31 gennaio, ma bisogna anche considerare la delibera di giunta che è precedente). Intanto, stiamo raccogliendo anche le idee per suggerire, senza volerci sostituire al Comune, qualche soluzione al problema parcheggi che non è circoscritto alla zona. Le nostre proteste non vogliono dare fastidio, ma essere propositive, e i nostri amministratori ne dovrebbero essere contenti, dovrebbero considerarci una risorsa, non una minaccia. E’ così che dovrebbe funzionare la buona politica” aggiunge Parisi sottolineando lo spirito di collaborazione. Ed ecco gli input che arrivano dal comitato: “Si potrebbe pensare di utilizzar parte dell’ex parcheggio di via Principe Amedeo, dove ora i lavori per realizzare uffici comunali sono fermi. Ma anche una volta ripresi, crediamo che sia comunque possibile, intercludendo il cantiere e mettendo in sicurezza la zona, utilizzare parte dello spiazzo, ricavando se non tutti i 90 almeno una cinquantina di posti. Poi ci sarebbero le aree accanto alla caserma Mezzacapo (dove stamattina è stato avvistato lo staff del sindaco, ndr) per le quali attendiamo un intervento del Comune sulla Marina”. A questi suggerimenti va aggiunto quello del presidente di Confidi Confcommercio, Giuseppe Sebastio, che venerdì, in conferenza stampa, ha indicato un’area recintata alla fine di via Giovinazzi, nei pressi della villa Peripato: “un’area della Marina inutilizzata che potrebbe servire anche per dare la possibilità di parcheggi per le rassegne estive”. Insomma, le alternative ci sarebbero. I commercianti chiedono di metterle in pratica: “A tutti noi piace l’idea di una piazza trasformata in salotto, ma non si può solo sottrarre, bisogna creare nuovi spazi per i parcheggi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche