26 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Luglio 2021 alle 13:59:00

Cronaca

Droga, arresti nel rione Tamburi e in Città vecchia


TARANTO – Giro di vite della Polizia contro gli spacciatori di droga. Due presunti pusher, sono finiti in manette, in distinte operazioni condotte ai Tamburi e in Città vecchia. Nella serata di ieri, intorno alle ore 22.30, gli agenti della sezione Falchi della Squadra Mobile hanno perquisito l’appartamento di Marco De Meis, detenuto agli arresti domiciliari. I poliziotti in borghese da tempo avevano posto sotto osservazione la casa di De Meis davanti alla quale era stato notato un andirivieni di giovani conosciuti come assuntori di sostanze stupefacenti. Nel corso dell’accurato controllo, gli agenti della Questura hanno rinvenuto prima all’interno di un televisore e successivamente in una aspirapolvere, circa 50 grammi di cocaina, già frazionata e confezionata, pronta per lo smercio.

La “polverina bianca” era in entrambi i casi contenuta in un involucro di cellophane ed avvolta con del nastro adesivo di colore azzurro. Lo stesso rotolo di nastro adesivo ed un bilancino elettronico di precisione sono stati trovati in un mobile della stanza da letto dell’appartamento sottoposto a perquisizione. Nel prosieguo del controllo i poliziotti hanno recuperato, nel portafogli di De Meis, la somma di 260 euro in banconote di piccolo taglio, probabile provento dell’attività illecita ed un altro involucro contente quattro grammi di hashish. Dopo il sequestro della droga, dei soldi e del materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi, il giovane tarantino è stato dichiarato in arresto e trasferito nella casa circondariale di largo Magli. Poco prima, e precisamente intorno alle 21, nel corso di uno dei consueti controlli in città vecchia, che al calar della sera diventa, purtroppo, zona di spaccio, un equipaggio della Squadra Volante ha notato in via Garibaldi un giovane che, uscito da via Di Mezzo, si stava dirigendo frettolosamente in direzione del ponte Girevole. I poliziotti, insospettiti dal suo atteggiamento, tipico di chi volesse rapidamente far perdere le proprie tracce, hanno deciso di fermarlo per sottoporlo ad un controllo. Rodolfo Marino, di ventisei anni, residente nella provincia jonica, ha subito mostrato segni di un inspiegabile nervosismo e non ha saputo fornire agli agenti un valido motivo circa la sua presenza nel capoluogo jonico. Considerato il suo strano atteggiamento gli agenti della Volante lo hanno perquisito. I sospetti dei poliziotti erano fondati. Infatti all’interno della biancheria intima del giovane hanno rinvenuto un involucro di carta stagnola contenente sette “stecche” di hashish per un peso di circa 100 grammi. Il 26enne è stato quindi arrestato per detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche