14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Maggio 2021 alle 16:17:07

Cronaca

Porta i figli a scuola. Mamma aggredita e rapinata dell’auto


TARANTO – Aggredita e rapinata dell’auto dopo aver accompagnato i figli a scuola. L’inquietante episodio è avvenuto, stamattina, davanti ad un istituto di Faggiano. La malcapitata appena è uscita dalla scuola ha sorpreso un malvivente che gli stava portando via la macchina. La donna ha tentato di sventare il furto ma a quanto pare il malvivente prima l’ha scaraventata per terra, poi è partito con la vettura ed ha quasi investito la poveretta. La vittima è stata subito soccorsa, condotta all’ospedale “SS. Annunziata” e affidata alle cure dei medici. In queste ore i carabinieri della stazione di Pulsano e della Compagnia di Manduria stanno dando la caccia all’autore della rapina.

Intanto proseguono a ritmo serrato le indagini condotte dai militari dell’Arma sulla misteriosa aggressione ad un fruttivendolo , che è ricoverato nel reparto di rianimazione dell’ospedale “SS. Annunziata”, con ferite al torace e alla testa. Il venditore ambulante, quarantacinquenne manduriano che ha la bancarella sulla via per Maruggio, è stato ricoverato in gravi condizioni nella tarda serata di ieri. L’uomo è stato selvaggiamente picchiato e poi abbandonato davanti al nosocomio di Manduria da persone che hanno fatto perdere subito le loro tracce. I sanitari lo hanno medicato e poi hanno disposto il trasferimento all’ospedale di Taranto per gravi ferite alla testa e al torace. Per lui la prognosi è riservata. I carabinieri della Compagnia di Manduria, diretti dal capitano Luigi Mazzotta, stanno indagano a tutto campo per accertare il movente e per individuare i responsabili della brutale aggressione. Secondo gli investigatori dell’Arma il raid punitivo potrebbe non essere avvenuto nella cittadina messapica. L’ambulante pestato a sangue, infatti, ha contatti anche con operatori del brindisino. I carabinieri non hanno potuto ancora ascoltare la vittima. Solo l’uomo potrebbe fornire agli investigatori elementi utili alle indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche