12 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 07:11:00

Cronaca

Furto di rame nelle cabine elettriche. In due nella rete della Polstrada


Maxi furto di rame: due tarantini finiscono nella rete tesa dalla Polizia Stradale.

 

Al termine di una mirata attività finalizzata al contrasto del fenomeno dei furti di rame, nelle campagne del versante orientale della provincia ionica, compiuti nelle cabine elettriche, gli agenti della Squadra di polizia giudiziaria della Polstrada di Taranto con la collaborazione dei loro colleghi della Distaccamento della Polizia Stradale di Manduria, hanno arrestato, per furto aggravato e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso, Cosimo Russo, di quarantasei anni e Patrizio Carrieri, quarantaciqnue, entrambi già noti alle forze dell’ordine. I poliziotti diretti dall’ispettore Jacopo Miglietta li hanno presi con le mani nel sacco mentre si impossessavano di un ingente quantitativo di rame, circa 3 quintali.

 

Si tratta di bobine di una cabina trasformazione di energia elettrica situata all’interno di una cava ubicata in una strada interpoderale, nei pressi della provinciale 115 per Lizzano, isola amministrativa di Taranto.

I due avevano utilizzato uno stratagemma. Avevano lasciato una macchina in zona con un cartello su quale avevano scritto “in avaria”. Durante l’operazione sono stati anche sequestrati gli arnesi utilizzati per lo scasso. 

 

Sequestrata anche una cariola utilizzata per il trasporto delle bobine, svariate chiavi e una carrucola in ferro completa di catene. Sotto chiave, inoltre, uno dei due veicoli utilizzati per il trasporto della refurtiva. Uno dei due presunti ladri è stato anche segnalato per guida senza patente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche