15 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Maggio 2021 alle 19:15:24

Cronaca

Parcheggi, ne spariscono 200 ne arrivano 50


Matematicamente ci andiamo a perdere. Qualcosa si muove, dopo e grazie alle proteste delle associazioni dei commercianti. 

 

Il punto di svolta, la riunione dei giorni scorsi presso la sede della polizia municipale, con sindaco, sigle di categoria e comitati spontanei, nati dopo la trasformazione di piazza Carmine in isola pedonale. Il centro ha subito negli ultimi mesi una vera e propria emorragia di parcheggi; ne sono saltati, tra il cantiere di via Anfiteatro e quello di Palazzo degli Uffici, almeno duecento, una trentina quelli di piazza Carmine.

 

La prospettiva ‘no parking no shopping’ che già sta facendo “vittime” tra i commercianti ha fatto scatenare la protesta. Il Comune ne ha dovuto tenere conto e ha annunciato la volontà di rastrellare quanti più posti possibili al Borgo. E così, mentre si aspettano le aree demaniali per il famoso multipiano ai Baraccamenti Cattolica (saranno parcheggi non a pagamento, si faranno le strisce bianche, ha spiegato Stefàno, perchè la cessione in comodato d’uso non permette che ne possa derivare un utile per l’ente civico) e si aspetta di stabilire che fare nell’ex arena dell’Artiglieria (candidata anche questa ad area parcheggio) in centro è in arrivo una manciata di strisce blu.

“Si supereranno abbondantemente i cinquanta posti” spiega il comandante della polizia municipale Michele Matichecchia. E’ lui ad aver elaborato un piano di lavoro, insieme all’Amat. Il piano verrà sottoposto al sindaco e, lunedì, presentato alle associazioni. “L’ordinanza – che sarà firmata dallo stesso Matichecchia – è già pronta, ma deve passare prima dal sindaco”. Per ricavare quanti più parcheggi possibili in questi giorni è stata fatta la mappatura del centro. Ci si muove in tre direzioni: posti ex novo, sfruttando tutti gli spazi liberi per strada; riduzione allo stretto indispensabile dei posti riservati ad enti ed istituzioni (proprio l’abbondanza di strisce gialle concentrate in centro era stata una delle osservazioni dei commercianti); e, infine, l’individuazione di aree dove non saranno validi i permessi per i residenti e che resteranno quindi ad esclusivo appannaggio di chi arriverà in centro.

 

“Abbiamo recuperato una trentina di parcheggi ex novo in via D’Aquino, di fronte a piazza Garibaldi, in via Cavour e altre zone” anticipa Matichecchia “mentre spariranno quasi completamente le strisce gialle, sparse tra via Roma, via Giovinazzi, e lungomare. Ne rimarranno due, tre per ente, quelle legate alle esigenze di servizio di forze dell’ordine e prefettura. In totale andiamo a recuperare più di cinquanta posti auto” riassume Matichecchia che spiega anche come in due, tre aree come piazza Kennedy e piazza Crocifisso (davanti all’omonima chiesa) non sarà consentita la sosta dei residenti, ma solo quella a pagamento. Saranno strisce blu lasciate per chi arriva in centro per garantire il ‘ricambio’.

 

Novità, dunque. Tra i primi a commentarle il presidente di Confesercenti, Vito Lobasso: “Reputiamo positivo il fatto che ci sia una risposta all’esigenza parcheggi e che si sia avviata da subito la mappatura dei parcheggi riservati. Era stata una nostra richiesta”.
Le strisce gialle con un tocco di pennello saranno trasformate in strisce blu. E il cambiamento cromatico potrebbe avvenire già dalla prossima settimana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche