Il fatto

​Vendute oltre cento dosi di “roba” al giorno​

I dettagli dell'operazione di polizia nella Città Vecchia

Cronaca
Taranto sabato 15 settembre 2018
di La Redazione
Blitz Bazar
Blitz Bazar © Tbs

Il gruppo di pusher era ben organizzato. Oltre alla presenza di spacciatori gli investigatori della Polizia di Stato hanno rilevato anche quella di “vedette” che affiancavano i pusher vigilando costantemente su tutti i movimenti che avvenivano nella zona. Erano pronti a segnalare l’eventuale presenza di forze dell’ordine o più semplicemente a indirizzare gli acquirenti verso la postazione di spaccio di volta in volta “attiva”, o ancora prelevando direttamente le dosi di droga da consegnare, in particolare nelle fasi di passaggio da una postazione all’altra (generalmente tra il pomeriggio e notte, e poi ancora all’alba), ciò allo scopo di non lasciare mai insoddisfatto il flusso costante di tossicodipendenti alla ricerca di dosi.

Le risultanze acquisite nel periodo di indagine hanno consentito di quantificare le cessioni in un numero non inferiore al centinaio al giorno, per un peso complessivo non inferiore ai 200 grammi. Emblematica dell’importanza e della notorietà del “bazar”, che offriva sostanze di vario tipo in grado di soddisfare ogni gusto ed esigenza degli acquirenti, la circostanza che numerose persone poi controllate provenissero da luoghi distanti da Taranto (oltre che dai centri di Grottaglie, Monteiasi, Sava, Laterza e Mottola, anche dalla provincia di Potenza, da quella di Brindisi (soprattutto Francavilla Fontana) e da quella di Bari (soprattutto Putignano). La pervicacia degli indagati è stata dimostrata poi dalla circostanza che l’attività illecita è continuata senza interruzione, anche a fronte del sospetto prima e rinvenimento poi della telecamera installata.

A fronte di tale indifferenza, e tenuto conto dei precedenti di buona parte degli indagati (non solo in materia di stupefacenti, ma anche per furto, armi e per associazione di stampo mafioso), alcuni dei quali peraltro già sorvegliati speciali e condannati per evasione, l’autorità giudiziaria ha ritenuto quale misura restrittiva idonea la custodia cautelare in carcere. Nel corso dell’operazione scattata questa mattina nella Città Vecchia sono stati sequestrati 250 grammi di sostanza stupefacente tra hashish, cocaina ed eroina, la somma di cinquemila euro, soldi ritenuti provento dell’attività illecita ,oltre a tutto il materiale che veniva utilizzato per il confezionamento della droga.

Lascia il tuo commento
commenti