La dichiarazione

​L'avvocato del padre della bimba: «Perchè non posso difendere quell’uomo»​

Le parole di Fabio Nicola Cervellera

Cronaca
Taranto giovedì 11 ottobre 2018
di La Redazione
Il dramma di Paolo VI
Il dramma di Paolo VI © studio Renato Ingenito

«Nell’immediatezza dei fatti sono stato nominato difensore di fiducia dall’indagato e per questa ragione ho deciso di assisterlo durante la convalida dell’arresto. In questi giorni ho riflettuto tanto sulla vicenda, interrogandomi più volte. Quindi, in considerazione dell’efferata azione criminosa posta in essere dall’indagato ai danni dei propri figli minori, ragioni morali e personali mi portano a dover rinunciare al mio mandato difensivo che non potrei svolgere con equilibrio e con la dovuta serenità. La rinuncia al mandato è un diritto dell’avvocato e in questa drammatica vicenda ho avvvertito l’urgente necessità di esercitare questo mio diritto, anche perchè sono padre di un bambino di sette anni». Così l’avvocato Fabio Nicola Cervellera in una dichiarazione a Taranto Buonasera

Lascia il tuo commento
commenti