Il caso

Giangrande: «La Regionale 8 si farà»

Il commento del presidente della Confcommercio di Taranto dopo l'incontro in Regione

Cronaca
Taranto sabato 10 novembre 2018
di La Redazione
Il presidente di Confcommercio, Leonardo Giangrande
Il presidente di Confcommercio, Leonardo Giangrande © Tbs

“E’ stato un incontro positivo, improntato alla concretezza. La Regionale 8 si farà”. Così commenta Leonardo Giangrande, presidente provinciale di Confcommercio Taranto, che recentemente (assieme a Casartigiani, Cia e Coldiretti), si è particolarmente impegnata per riportare all’attenzione della politica e degli enti interessati la vicenda della strada regionale Taranto-Avetrana.
“Il tavolo in Regione, a pochi giorni di distanza dall’altro incontro informale avvenuto in Confcommercio, con i sindaci del versante orientale, e le associazioni (erano presenti gli assessori ai Trasporti, Giovanni Giannini, e allo Sviluppo economico, Mino Borraccino il presidente della IV commissione consiliare Sviluppo economico, Donato Pentassuglia, il neo presidente della Provincia, Giovanni Gugliotti e il commissario straordinario dell’Agenzia regionale Asset, Elio Sannicandro) conferma e suggella quanto già anticipato dallo stesso Giannini una settimana fa in Confcommercio, e cioè che la strada Regionale 8, dopo un trentennio di impegni disattesi, si farà - dice Giangrande- si cercherà, in relazione alle disponibilità delle risorse economiche messe a disposizione dal Fondo Sud ‘Sviluppo e Coesione’, di realizzarla nel migliore dei modi possibile, si dovrà puntare sull’asse stradale principale e in seconda battuta sulle strade di collegamento perpendicolari. La certezza è data dalle risorse disponibili (193 milioni di euro) e dalla volontà della Regione di realizzare l’opera, e di far si che tutti gli ostacoli di natura burocratica e amministrativa, e fors’anche politica, che si sono opposti in questi anni, vengano rimossi per poter finalmente procedere entro dicembre 2019 con l’appalto dell’opera. Asset, avrà il non facile compito di attivarsi per accelerare il procedimento, definire gli aspetti di carattere tecnico e procedurale; fra poco più di 3 mesi, il 28 febbraio prossimo, il tavolo tornerà a riunirsi per un aggiornamento e per una valutazione del progetto. Ora tocca alla Provincia e al neo presidente Gugliotti riprendere carte e progetti in mano, effettuare tutte le valutazioni del caso, e assieme ad Asset che supporterà l’ente –ma, con la quale dovrà prima firmare la convenzione di collaborazione - avviare questa mole di attività, in vista dell’appuntamento di febbraio”.

Lascia il tuo commento
commenti