Il fatto

​Spara contro la casa dello zio, poi incontra il fratello del parente e lo prende a bastonate

Protagonista della storia un 26enne che è poi finito in manette

Cronaca
Taranto domenica 09 dicembre 2018
di La Redazione
L’ingresso dell’ospedale Ss. Annunziata di Taranto dove è ricoverato l'uomo ferito
L’ingresso dell’ospedale Ss. Annunziata di Taranto dove è ricoverato l'uomo ferito © Tbs

Aggredisce per prima lo zio e poi il fratello di quest’ultimo. Poi finisce in manette. Protagonista un 26enne di Faggiano.

I Carabinieri della Stazione di Pulsano lo hanno arrestato nella flagranza dei reati di lesioni personali aggravate, minaccia aggravata, porto abusivo di oggetti atti ad offendere e resistenza a pubblico ufficiale.

L’uomo, a seguito di un diverbio scaturito verosimilmente per futili motivi, ha aggredito e successivamente minacciato di morte dapprima lo zio 55enne, nei cui confronti tra l’altro avrebbe esploso un colpo di arma da fuoco all’indirizzo dell’abitazione e successivamente il fratello di quest’ultimo, un 56enne, sempre di Faggiano che, intercettato dal 26enne per strada, nei pressi del cimitero, mentre viaggiavano a bordo delle rispettive autovetture, dapprima lo ha speronato e dopo averlo costretto a fermarsi, lo ha colpito alla testa con un bastone, ferendolo. La vittima, soccorsa dai sanitari del 118 è stato trasportato presso l’Ospedale SS. Annunziata di Taranto dove è stato ricoverato per una frattura cranica.

I militari della Stazione di Pulsano hanno intercettato il 26enne nei pressi della propria abitazione mentre rincasava a bordo della sua autovettura. Fermato e sottoposto ad una perquisizione personale e veicolare, finalizzata alla ricerca di armi, i Carabinieri hanno rinvenuto un bastone in legno, della lunghezza di circa 120 cm, spezzato in due parti, che hanno sottoposto a sequestro in quanto ritenuto essere quello utilizzato per l’aggressione.

L’uomo, condotto in caserma, dove si è reso responsabile di resistenza a Pubblico Ufficiale, è stato arrestato e condotto presso Casa Circondariale di Taranto.

Lascia il tuo commento
commenti