Cronaca

Aste, si attende la convocazione


Preferisce non rilasciare commenti, ma quando lo si incalza per capire come vivono le confraternite questo momento delicato per i Riti della Settimana Santa risponde con un laconico “Prendiamo atto della situazione. Siamo tenuti all’obbedienza nei confronti dell’arcivescovo”.

A rompere il silenzio di questi ultimi giorni è il priore della confraternita dell’Addolorata. Antonio Liuzzi conferma quanto detto all’indomani dell’incontro con l’arcivescovo che ha sancito la volontà di cambiamento: su disposizione di monsignor Santoro le gare per l’aggiudicazione dei simboli delle due processioni del Giovedì e del Venerdì Santo non si faranno più la domenica delle Palme, ma sabato 16 marzo.

Uno sconvolgimento della tradizione bicentenaria che ha scatenato il dibattito in città. Un cambiamento che le confraternite vivono con un certo rammarico, che traspare dai toni e anche dal silenzio che ha caratterizzato i giorni successivi all’annuncio. Intanto, un gruppo di confratelli ha iniziato a raccogliere le firme. Verranno consegnate a monsignor Santoro durante l’incontro già in agenda per il prossimo 12 marzo a 4 giorni dalle assemblee.

Un incontro ottenuto da due confratelli che sono stati ricevuti nei giorni scorsi da don Emidio Dellisanti, segretario dell’arcivescovo. L’intento, ci spiegano, non è di protesta. Quello della raccolta delle firme – l’obiettivo è arrivare almeno a quota 500 – vuole essere un modo per far sentire la voce dei confratelli “che ancora non hanno parlato” se non attraverso i social network. Nessuna distinzione tra le due Confraternite, e firme anche delle consorelle del Carmine: all’arcivescovo i “perdoni” – che probabilmente saranno sotto la curia il 12 mentre una delegazione parlerà con mons Santoro – vogliono far sapere come vivono il momento della Settimana Santa, lo spirito che li muove e proporre di individuare da subito un ente al quale devolvere parte delle somme raccolte.

Intanto le confraternite sono alle prese con problemi di ordine pratico: la data delle gare resta confermata per giorno 16, sicuramente di sera, perché essendo un sabato molti dei partecipanti potrebbero essere impegnati per lavoro.

“Aspettiamo la conferma per il luogo” spiega Liuzzi “quando avremo la certezza invieremo una lettera ai confratelli”.

E, sull’ipotesi di un incontro tra il vescovo e i priori che possa anticipare quello in programma per giorno 12 “noi l’arcivescovo lo abbiamo già incontrato (martedì scorso, ndr) ed è anche giusto che ora siano i confratelli ad essere ascoltati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche