09 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 09 Maggio 2021 alle 22:30:25

Cronaca

Tenta di darsi fuoco. Ex Lsu salvato dai compagni di coop


SAN GIORGIO – Ha tentato di darsi fuoco per la disperazione. Un operaio, ex Lsu, della cooperativa Green System si è presentato stamattina davanti al Municipio con una bottiglia di benzina ed in presenza dei suoi compagni di coop ha tentato di darsi fuoco. La tempestività dei colleghi è fortunatamente riuscita ad evitare il peggio. 

E’ il gesto estremo di chi, disperato, vuole lavorare. Sono ormai tre giorni che i lavoratori stanno manifestando sotto il Palazzo di Città. Ieri mattina hanno cominciato lo sciopero della fame e sono pronti a tutto.

“Prima voleva incatenarsi – ci racconta uno di loro riferendosi al compagno che ha tentato di darsi fuoco – poi si è presentato con una bottiglia di benzina. Non vogliamo che si arrivi a questo, ma vogliamo lavorare”.

Il loro appello è rivolto all’amministrazione comunale. Il sindaco Giorgio Grimaldi stamattina ha dato disposizione per firmare una determina che assegna alla coop un lavoro di poche migliaia di euro per la potatura di alcuni alberi. “Per ora non posso fare di più” ci dice il sindaco “perché la situazione è difficile. Capisco questi lavoratori, ma ho dovuto tagliare tutte le spese”. Il capitolo di bilancio relativo a questi interventi è stato decurtato di circa il 70%.

La storia parte dal 2001 quando questi sette operai, ex Lsu, furono assunti dalla Chemipul. Poi passati ad un contratto interinale ed infine a cooperativa hanno lavorato fino a poco tempo fa. Ora, senza stipendio da mesi, chiedono di poter portare il pane a casa. “Questa amministrazione – insiste il sindaco – non può addossarsi le scelte sbagliate fatte in passato. Come loro ci sono tante persone qui a San Giorgio in difficoltà. Ogni giorno intere famiglie vengono a chiederci aiuto e sostegno. Vogliamo farli lavorare e per questo mi sto impegnando a cercare risorse, ma di stipendio fisso non si può più parlare”.

Parole che la dicono lunga sulla seria difficoltà che il Comune ha nel gestire i diversi servizi. Intanto resta la disperazione di queste persone che per tutta la notte sono stati al freddo, dormendo all’aperto davanti ai cancelli del Municipio (la foto è stata scattata questa notte).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche