22 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Ottobre 2021 alle 21:54:00

Cronaca

Patenti taroccate, caccia aperta ai falsari


SONY DSC

I carabinieri scoprono un giro di patenti taroccate e danno la caccia a una banda di falsari tarantini che le piazzano in tutta Italia.

L’organizzazione nel 2009 ha rubato oltre 5mila patenti in bianco alla Motorizzazione di Taranto e dopo averle contraffatte le ha vendute a un prezzo che supererebbe i 5mila euro a cittadini italiani, rumeni, cinesi, albanesi e senegalesi. Le ultime due denunce nella mattinata di ieri dei carabinieri della stazione di Marina di Ginosa. Si tratta di due fratelli di nazionalità rumena.

Durante i normali controlli alla circolazione stradale i militari dell’Arma hanno intimato l’alt all’autovettura Bmw serie 5 condotta da un 21enne di nazionalità rumena. Nel corso di un primo controllo non è emerso nulla di anomalo, ma lo strano atteggiamento tenuto dal conducente ha spinto i carabinieri ad eseguire ulteriori accertamenti. Il successivo controllo incrociato fra il documento di guida esibito e l’anagrafe della Motorizzazione Civile non ha dato alcun esito, anzi il conducente non è risultato per nulla censito nella Banca Dati. 

Una più approfondita attività ha consentito poi di scoprire che il documento di guida era non solo contraffatto, ma faceva parte di un blocco di patenti in bianco rubate nel novembre del 2009 dagli uffici della Motorizzazione di Taranto. Il controllo eseguito anche nei confronti dei parenti del cittadino rumeno ha permesso di rinvenire un’altra patente taroccata, sempre dello stesso lotto, intestata alla sorella 22enne. I due fratelli sono stati segnalati per falso materiale commesso da privato e per ricettazione. Il ragazzo risponde anche di guida senza patente per non averla mai conseguita. 

La Bmw è stata sottoposta a fermo amministrativo e le patenti sono state sequestrate. Negli ultimi mesi sono scattate denunce in tutta Italia di automobilisti sorpresi con patenti taroccate fatte circolare dalla banda di falsari tarantini. Ad Aosta la Polizia ha segnalato due albanesi, a Pistoia un cittadino del Marocco, ad Alba un commessa rumena, a Prato e Venezia 20enni cinesi, a Lodi un camionista italiano a Ravenna un ambulante senegalese, e infine, a Montalto di Castro tre italiani denunciati per un giro di patenti fasulle, tra Roma e Viterbo, che facevano parte dello stock rubato alla Motorizzazione di Taranto nel novembre del 2009.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche