17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 00:33:00

Cronaca

Riti, il Carmine ‘apre’ alle scuole


Verso la Settimana Santa. Tra il dibattito sulle gare che resta ancora in piedi e la volontà di rinnovamento. Nel solco di una maggiore apertura alla città si inserisce l’iniziativa in cantiere alla confraternita del Carmine che nelle prossime settimane ospiterà i piccoli della scuola Renato Moro.

Due date per sei classi di bambini tra i sette e gli otto anni ai quali il priore Antonello Papalia – accompagnato dal suo vice Giovanni Schianaia e dal maestro dei novizi Peppe Carucci – parlerà della storia delle confraternita e dei Riti.

Per l’occasione saranno aperte le nicchie che, nella chiesa del Carmine, custodiscono le statue portate in processione il Venerdì Santo. Giorni intensi, resi ancora più densi dalle novità introdotte dall’arcivescovo, quelli che precedono la Settimana Santa 2013. Il 12 è infatti in calendario l’incontro tra monsignor Santoro e una rappresentanza di quattro confratelli del Carmine e dell’Addolorata.

Un incontro seguito alla decisione del vescovo di anticipare le gare per l’aggiudicazione dei simboli delle due processioni a sabato 16 spostandola dalla data “storica” , cioè la domenica delle Palme. Le due Confraternite sono alle prese con l’organizzazione delle nuove assemblee.

Confermati i locali che le ospiteranno e, naturalmente, la data di sabato 16, restano da stabilire gli orari da organizzare in tandem per non accavallare i due appuntamenti che comunque si terranno di sera, per permettere di parteciparvi anche a chi, tra i confratelli interessati, potrebbe essere impegnato per motivi di lavoro. Dal Carmine fanno sapere che resta confermato il luogo, l’ex caserma Rossarol, in città vecchia. Da fissare l’orario di inizio: per l’ufficializzazione si aspettava che “l’altra” confraternita protagonista dei Riti – l’Addolorata – ricevesse la conferma della disponibilità del circolo sottufficiali dalla Marina.

Risposta che è arrivata in tarda mattinata al priore Liuzzi che quindi conferma l’appuntamento al circolo sottufficiali; l’orario, anche in questo caso, sarà stabilito a strettissimo giro. Come noto, infatti, molti confratelli appartengono ad entrambi i sodalizi quindi si vuol dare la possibilità a tutti di partecipare all’appuntamento che apre i Riti. Si incastra a quattro giorni dalle gare il colloquio dei confratelli con l’arcivescovo. Nel frattempo va avanti la raccolta delle firme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche