La denuncia

​Tamburi, raffica di furti nella chiesa Santi Angeli Custodi​

I ladri hanno preso di mira la chiesa guidata da don Ciro Antonacci

Cronaca
Taranto lunedì 11 febbraio 2019
di La Redazione
La chiesa dei Santi Angeli Custodi​
La chiesa dei Santi Angeli Custodi​ © Tbs

Raffica di furti in dieci giorni nella chiesa dei Santi Angeli Custodi, nel rione Tamburi.

I ladri hanno preso di mira a ripetizione la chiesa retta da don Ciro Antonacci. Sulla escalation di furti interviene Lucio Lonoce, presidente del consiglio comunale di Taranto. “Le segnalazioni giuntemi da diverse persone, a proposito dell’ennesimo furto compiuto nella chiesa in ristrutturazione Angeli Custodi al rione Tamburi, mi indigna come cittadino e come rappresentante delle Istituzioni- dice Lonoce- è assurdo e vergognoso, infatti, che questo sia addirittura il sesto furto in appena due mesi. Gente senza scrupoli questa volta si è impossessata dei viveri nella disponibilità della Caritas e dell’abbigliamento sportivo dei piccoli allievi dell’oratorio. Un colpo al cuore per la comunità parrocchiale e per l’intero quartiere: un’altra ferita che merita risposte adeguate.

In primo luogo, pertanto, mi attiverò con le forze dell’ordine, affinchè vengano intensificati i controlli nella zona e, soprattutto, vengano quanto prima individuati i responsabili di questi furti seriali. E poi mi appello alla generosità dei tarantini, perché possano aiutare le persone toccate da questo ennesimo affronto- prosegue il presidente del consiglio comunale- facciamo in modo, insomma, di restituire il maltolto alla Caritas parrocchiale e ai bambini che praticano sport: un invito che rivolgo ai cittadini, ma anche alle imprese, che potranno dare in tal modo una risposta generosa all’inciviltà e all’egoismo. E naturalmente assicuro il mio personale contributo in questo impegno solidale”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • simone b. ha scritto il 11 febbraio 2019 alle 18:55 :

    come si può contribuire a questa colletta? Rispondi a simone b.