Cronaca

Spacciava dosi di eroina vicino alle case parcheggio


SONY DSC

Alla vista dei carabinieri si disfa dell’eroina. Un giovanissimo già noto alle forze dell’ordine è stato arrestato nel rione Tamburi. 

La lotta al contrasto dei reati in materia di stupefacenti ha ancora una volta consentito di far cadere nella rete un presunto pusher.

Nel pomeriggio di ieri, infatti, i militari in borghese del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale, nel corso di un mirato servizio di appostamento e pedinamento in via Machiavelli, e precisamente nella zona denominata “case parcheggio”, divenuta fulcro dello spaccio gli stupefacenti, hanno notato la presenza di un giovane, segnalato dai loro colleghi, che frettolosamente cercava di allontanarsi. Il ragazzo resosi conto della presenza dei militari dell’Arma, ha nascosto in un infisso di una casa diroccata, una cipolletta termosaldata in cellophane, di colore bianco, che, prontamente recuperata, è risultata contenere sei grammi di eroina.

Il giovane, identificato in Marco Maggio, ventenne che abita nello stesso quartiere, sottoposto a perquisizione è stato inoltre trovato in possesso della somma contante di 20 euro. I soldi sono stati sequestrati in quanto ritenuti provento dell’attività illecita.

Marco Maggio è stato condotto nella caserma di Viale Virgilio e dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo le formalità di rito è stato trasferito alla casa circondariale di largo Magli, a disposizione del magistrato di turno, dottor Buccoliero.

Il denaro, ritenuto provento dell’attività di spaccio, è stato sottoposto a sequestro insieme all’eroina che verrà analizzata dai carabinieri del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale.

Nelle 24 ore precedenti un altro presunto pusher era stato arrestato in città vecchia. A finire in manette un ventinovenne originario della provincia di Matera.

Era stato fermato dalla polizia che lo aveva notato mentre si aggirava con fare sospetto in via Cava, nota come abituale zona di spaccio di sostanze stupefacenti. Il giovane, accortosi della presenza degli agenti aveva cambiato repentinamente direzione e in modo frettoloso e si era rifugiato all’interno di un circolo ricreativo per evitare i controlli. In una tasca aveva un involucro di cellophane contenente circa 10 grammi di eroina e 115 euro, probabile provento dell’attività di spaccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche