Cronaca

Blitz dall’avvocato, due arresti

Nel pomeriggio di ieri, gli agenti della Sezione Volante si sono recati presso uno studio legale nel centro di cittadino, dove era stata segnalata un’aggressione di due uomini nei confronti del titolare dello stesso studio.

Giunti rapidamente sul posto, gli agenti hanno accertato dalle dichiarazioni dei presenti, che i due uomini, padre e figlio rispettivamente di 60 e 40 anni, intorno alle ore 17 si erano presentati presso lo studio legale incaricato di recupero crediti, per conto di una società finanziaria.

Il 60enne, verso il quale era in atto una procedura di recupero crediti da parte del suddetto studio, spalleggiato dal figlio, sin da subito si era mostrato nervoso pretendendo in maniera sempre più pressante e violenta che il professionista firmasse un foglio dattiloscritto attestante la liberatoria per i suoi pregressi debiti. Nonostante i ripetuti tentativi da parte del legale di portarlo alla ragione il sessantenne diventava sempre più irascibile mostrando anche il calcio di una pistola che portava nella cintola dei pantaloni.

Solo il successivo intervento dei collaboratori dell’avvocato riusciva a calmare l’esagitato che, accompagnato dal figlio, lasciava lo studio legale. Gli agenti nel frattempo giunti sul posto identificavano i due uomini che erano ancora nei paraggi e su indicazione del figlio riuscivano anche a recuperare la pistola in possesso del padre, risultata poi essere una scacciacani. Dopo quanto accertato i due venivano condotti negli Uffici della Questura e dopo le formalità di rito tratti in arresto per tentata estorsione in concorso tra loro.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria competente padre e figlio venivano posti agli arresti domiciliari.

Nella serata di ieri, poi, i poliziotti della Volante hanno tratto in arresto per evasione e detenzione di sostanze stupefacenti un’avvocatessa tarantina. Gli agenti nel corso dei consueti controlli a persone sottoposte al regime degli arresti domiciliari, intorno alle ore 21 di ieri sera, hanno verificato che la donna, che era stata arrestata per una rapina, non era nella sua abitazione. Dopo alcuni minuti di attesa, i poliziotti notavano la donna far rientro in casa non riuscendo però a fornire una valida spiegazione per la sua violazione.

Gli agenti procedevano, così, ad un sommario controllo nel corso del quale rinvenivano indosso alla donna 1,7 grammi di cocaina già suddivisa in tre piccole confezioni. Pertanto la donna alla luce di quanto accertato e della cocaina recuperata veniva tratta in arresto ed associata presso la locale Casa Circondariale.

Infine, nel corso di specifici servizi di controllo volti anche al contrasto di spaccio di sostanze stupefacenti i poliziotti hanno denunciato in stato di libertà un giovane grottagliese di 24 anni trovato in possesso di circa 10 grammi di hashish. Intorno alle 21,00 di ieri in una via del centro cittadino, gli agenti notavano il giovane, a loro già conosciuto per precedenti specifici, mentre procedeva a passo sostenuto.

Il 24enne alla vista dell’auto della Polizia, cercava palesemente di cambiare direzione, con il chiaro intento di sottrarsi al controllo degli agenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche