29 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2020 alle 16:10:37

Cronaca

Regione: fuori Decaro e Stanisci, dentro Gannini


Dopo la rinuncia all’incarico del neoparlamentare Pd Antonio Decaro e dell’ex Sindaco di San Vito dei Normanni ed ex deputata dei Ds Rosa Stanisci, il Governatore ha trovato il consenso di un altro Pd, Giovanni Giannini, assessore in carica al Comune di Bari.

Nella serata di ieri il provvedimento di nomina dell’avv. Giannini. Con lo stesso provvedimento il Nichi Vendola ha riservato alle proprie dirette competenze le funzioni relative al Personale fino a nuovo atto.

«La scelta di Giannini – si legge nella nota diffusa dalla Regione – è motivata per le sue indubbie capacità amministrative dimostrate su alcuni temi sensibili quali le opere in materia di edilizia residenziale pubblica. La Giunta, ora, nella pienezza delle sue funzioni e dei suoi componenti potrà dare corso alle attività le cui linee programmatiche saranno approfondite, nei prossimi giorni, con parti sociali, cittadinanza attiva e forze politiche».

Ma i problemi del Governo regionale non nascono e non si esauriscono nella questione “nomine”. Crescono i malumori e le voci divergenti all’interno della coalizione di centrosinistra. L’ultimo allarme è stato lanciato nelle scorse ore dall’assessore regionale Guglielmo Minervini (Pd) che ha sottolineato come il vero problema sia quel senso di incertezza che pervade i pugliesi per le scelte nazionali di Vendola: «Si è radicata la convinzione che la Puglia non fosse il fine del nostro impegno politico ma solo un mezzo».

Un messaggio chiaro ai naviganti: il Pd è pronto a mollare tutto se non si dovesse cambiare rotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche