27 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Ottobre 2021 alle 13:56:00

Cronaca

Si schianta contro il muretto, vivo per miracolo


MANDURIA – E’ vivo per miracolo un operaio diciannovenne di Manduria rimasto gravemente ferito, domenica notte, in un pauroso incidente stradale avvenuto sulla Uggiano-Manduria.

La macchina che guidava, una Ford Fiesta, si è prima schiantata contro la recinzione in muratura di un podere per poi carambolare e fermarsi ad una trentina di metri al centro della carreggiata.

Per cause ancora in via di accertamento il giovane ha perso il controllo dell’utilitaria che è finita fuori strada andandosi a schiantare contro il muretto.

Il giovane automobilista G. D. G. che è attualmente ricoverato nel reparto di neurochirurgia dell’ospedale “SS. Annunziata” nel violento impatto ha riportato un trauma cranico e di alcune fratture. Il diciannovenne manduriano non corre pericolo di vita ma le sue condizioni al momento del ricovero erano molto critiche.

Quando è avvenuto l’incidente erano circa le due. Il diciannovenne aveva da poco accompagnato la sua fidanzata a Uggiano Montefusco e stava facendo ritorno a casa, nella cittadina messapica.

Il ragazzo è stato trovato sul ciglio della strada poco distante dall’auto che era ridotta ad un ammasso di lamiere.

Per quasi un’ora poi, dopo aver trasportato il ferito all’ospedale “Giannuzzi” di Manduria, i soccorritori del 118, insieme alle forze dell’ordine e ai vigili del fuoco hanno perlustrato la campagna circostante perché si pensava che a bordo della Ford Fiesta ci fossero altri due viaggiatori sbalzati anche loro dall’abitacolo e finiti tra la vegetazione. Il giovane ferito, infatti, che era confuso a causa del trauma cranico, aveva riferito che era in compagnia della fidanzata e di altri amici. 

Solo dopo si è saputo che era da solo.  

Sulla Uggiano Montefusco-Manduria, domenica notte, sono intervenuti anche gli agenti del Commissariato di Polizia di Manduria i quali hanno eseguito i rilievi per accertare l’esatta dinamica dello schianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche