27 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Ottobre 2021 alle 15:59:00

Cronaca

Riduzione delle tasse, il Pdl torna in piazza


TARANTO – «Il Popolo della Libertà sarà in piazza per rivendicare innanzitutto il diritto a rappresentare le istanze di quel 30% di italiani che hanno votato centro destra, e a sostenere la proposta di un governo di unità nazionale, o di scopo come si indica oggi, per una politica contro la recessione, per la riduzione delle tasse, per la eliminazione dell’Imu sulla prima casa, per il pagamento delle imprese, per il sostegno alle famiglie e, non ultimo, anche per una giustizia davvero indipendente che non interferisca con la politica». E’ quanto sostiene l’onorevole Gianfranco Chiarelli che, assieme al coordinatore provinciale del Pdl Luigi Montanaro ed al consigliere regionale Arnaldo Sala, ha tenuto una conferenza stampa per illustrare i preparativi per la manifestazione organizzata dal Pdl a Roma sabato prossimo.

«Dalla provincia di Taranto – fanno sapere dal partito – organizzati già 30 pullman che partiranno nella prima mattinata di sabato da: Taranto, Pulsano – Faggiano – Leporano, Monteiasi – Montemesola – Carosino, Manduria, Mottola, San Giorgio – Fragagnano – Roccaforzata – Monteparano, Maruggio – Torricella, Lizzano, Crispiano-Massafra-Statte, Martina Franca, Ginosa, Laterza, Castellaneta, Palagiano, Grottaglie, Avetrana-Sava-San Marzano. Gli interessati possono rivolgersi al coordinamento provinciale sig. Vito Scialpi tel. 099 4526855». La manifestazione, che si preannuncia imponente, arriva a qualche settimana di distanza dalle elezioni che hanno rinnovato Camera e Senato. L’impasse sulla formazione del Governo e le difficoltà sul piano economico delle imprese e, più in generale, delle famiglie, hanno spinto il Pdl a mobilitarsi. «La manifestazione del 23 marzo a Roma che si preannuncia di grande partecipazione popolare – spiega l’onorevole Gianfranco Chiarelli – rappresenta un momento di grande impegno per il Pdl, e più in generale per quanti hanno a cuore le sorti del Paese, in un momento di grande difficoltà delle famiglie e delle imprese». «Non si tratta, come la sinistra ha cercato di mistificare, di una iniziativa contro la magistratura. Ben più ampio e rilevante è il nostro obiettivo. Stiamo assistendo da parte di chi ha raccolto solo il 30% dei consensi, ad un vero e proprio saccheggio delle istituzioni e ad un tentativo di annullare la volontà popolare che si è espressa in modo chiaro, sostenendo con ampio suffragio il Popolo della Libertà. Mentre Bersani promette come primo impegno di un suo ipotetico governo il varo della legge sul conflitto di interessi, sugli italiani si appresta a cadere la mannaia di nuove tasse, valutate in oltre 5 miliardi di euro, tra Imu, Tares, e aumento dell’Iva! Fa specie sapere che tra i comuni che oggi marciano su Roma per chiedere il pagamento alle imprese e il superamento del patto di stabilità, ci siano molte amministrazioni governate della sinistra, ovvero da chi fa delle tasse il proprio credo assoluto! Il Popolo della Libertà – conclude Chiarelli – sarà in piazza per rivendicare innanzitutto il diritto a rappresentare le istanze di quel 30% di italiani che hanno votato centrodestra, e a sostenere la proposta di un governo di unità nazionale, o di scopo come si indica oggi, per una politica contro la recessione, per la riduzione delle tasse, per la eliminazione dell’Imu sulla prima casa, per il pagamento delle imprese, per il sostegno alle famiglie e, non ultimo, anche per una giustizia davvero indipendente che non interferisca con la politica».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche