29 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 28 Novembre 2020 alle 16:10:37

Cronaca News

Melucci scrive al Premier: «Ora l’Università sia di Taranto»

La sede di Taranto dell'Università
La sede di Taranto dell'Università

Il sindaco di Taranto, Ri­naldo Melucci, scrive al presidente Conte circa la richiesta d’istituzione dell’Uni­versità degli Studi di Taranto.

“In aderenza alle esigenze della forma­zione universitaria del territorio ionico, il Comune di Taranto ha concorso da oltre quindici anni a sostenere corsi di laurea distaccati dall’Università degli Studi di Bari. In ultimo, per sostenere l’offerta formativa che negli ultimi anni ha registrato una considerevole flessione, nell’anno accademico in corso è stato sottoscritto un Accordo di Programma cofinanziando un programma assunzio­nale di ricercatori e di formazione post universitaria, con conseguente impiego d’importanti risorse finanziarie. È altret­tanto noto lo sforzo delle istituzioni tutte (Governo, Comune, Regione, Asl) mirato a istituire a Taranto il Corso di laurea in Medicina e Chirurgia, finalizzato a con­trastare la grave emergenza sanitaria. In tal senso, la Conferenza di servizi, in data 21 febbraio, ove ha partecipato an­che il Sottosegretario Sen. Mario Turco, ha deciso di localizzare il Corso di laurea in Medicina e Chirurgia presso la filiale dell’ex sede della Banca d’Italia, sita a Taranto in Piazza Ebalia” ricorda Me­lucci. Continua il sindaco: “Nella stessa conferenza di servizi, si è condivisa an­che l’opportunità di acquisire l’edificio da parte del Comune, previa copertura finanziaria da assicurare con risorse del C.I.S. Taranto nella misura massima di 5 milioni di euro. Inoltre, di concerto con i tecnici dell’Università di Bari, si stanno definendo le ulteriori risorse finanziarie da gravare sullo stesso C.I.S. per le opere di adeguamento dell’edificio, per la rea­lizzazione dei laboratori e attrezzature necessarie al corso di Medicina, nonché di quanto necessario ad ospitare un pos­sibile futuro Ateneo.

I costanti sforzi e le continue iniziative per consolidare l’offerta formativa uni­versitaria a Taranto, le alcune migliaia di studenti già iscritti presso i diversi corsi di laurea del Dipartimento Ionico dell’U­niversità di Bari, ma anche le diverse mi­gliaia di studenti di Taranto e provincia che s’iscrivono presso Università fuori regione, nonché la necessità di sostene­re la concreta riconversione economica del territorio, rendono maturi i tempi per l’istituzione di un Polo Universitario au­tonomo.

Questo prestigioso riconoscimento co­stituisce certamente un forte segnale di rispetto nei confronti di un territorio che con forza rivendica l’autonomia universi­taria che non ha più motivo di non essere riconosciuta. Per le ragioni rappresen­tate, con la presente, si chiede di voler sostenere l’adozione di ogni utile inizia­tiva per l’istituzione dell’Università degli Studi di Taranto, confidando nella Sua sensibilità ed attenzione ai bisogni degli enti locali anche in materia di formazio­ne universitaria, sicuro volano dello svi­luppo dei territori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche