26 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Ottobre 2021 alle 22:44:00

Cronaca

Presa banda dei supermercati, sei arresti


Rubavano nei supermercati e preferivano portar via bottiglie di champagne e grana padano.

I poliziotti della Squadra Volante hanno arrestato Marius e Sanda Claianu, rispettivamente di 42 e 40 anni, Valentin Dumitru, di 43, Doiana Ionita, di 36 e Gabriela Stan di 25, tutti di nazionalità rumena.

Gli agenti sono intervenuti in un ipermercato dove gli addetti alla sicurezza avevano fermato due cittadini rumeni, un uomo e una donna, che avevano oltrepassato la barriera delle casse dopo aver messo merce di valore in due borse che erano stato schermate artigianalmente con dei fogli di carta stagnola, per neutralizzare i controlli antitaccheggio.

I vigilanti, che avevano notato da alcuni giorni la coppia aggirarsi con fare sospetto all’interno dell’ipermercato, avevano recuperato due bottiglie di champagne ed alcuni grossi tranci di formaggio grana padano per un valore di 350 euro.

I poliziotti su indicazione dei dipendenti dell’ipermercato, si erano poi messi alla ricerca di una Fiat Punto, a bordo della quale nei giorni precedenti la coppia era stata più volte notata allontanarsi.

Infatti, dopo alcuni minuti, i poliziotti hanno individuato nel parcheggio antistante il centro commerciale l’utilitaria con all’interno un uomo e due donne anche loro di nazionalità rumena. Hanno perquisito la Punto ed hanno rinvenuto all’interno di un’altra borsa “schermata” prodotti alimentari e capi d’abbigliamento con i relativi codici a barre e i dispositivi antitaccheggio.

Gli agenti della Squadra Volante hanno accertato che la merce era stata rubata in altri grandi magazzini sia del centro cittadino che della galleria del centro commerciale. I cinque cittadini rumeni finiti nella rete della Polizia, che sono risultati peraltro senza fissa dimora, sono stati dichiarati in arresto e condotti nella casa circondariale di largo Magli, a disposizione del magistrato inquirente.

La refurtiva, per un valore di circa mille euro, è stata restituita ai responsabili degli esercizi commerciali finiti nel mirino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche