25 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2021 alle 06:34:21

Cronaca

Vinse un miliardo di lire, chiede 13 milioni


Una storia infinita con l’ennesimo colpo di scena. Una storia cominciata addirittura il primo novembre del 1981. All’epoca i sogni milionari degli italiani erano affidati al Totocalcio. Ed un tarantino, Martino Scialpi, commerciante di Martina Franca riuscì a centrare una vincita per quei tempi pazzesca. Di quelle che ti cambiano la vita: 1 miliardo di vecchie lire.

Solo che il sogno si trasformò ben presto in incubo: l’uomo, infatti, non riuscì mai ad incassare la vincita perché non risultava prodotta la matrice della sua schedina.

Cominciò una lunghissima battaglia legale che ieri, 32 anni dopo, ha registrato l’ennesima novità: ha chiesto al Coni 13 milioni di euro (comprensivi di rivalutazione monetaria e risarcimento danni) nell’ambito del processo d’appello in sede civile per presunta responsabilità extracontrattuale.

Il procedimento è a carico di ex dirigenti del Comitato olimpico e del Ministero dell’Economia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche