21 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 21 Ottobre 2020 alle 06:40:34

Cronaca

“Troppe violazioni, intervenga il Governo”


Legambiente Taranto passa all’attacco: troppe violazioni nell’applicazione delle misure varate dal Governo per risanare l’area dell’Ilva.

A questo punto l’associazione ambientalista si rivolge al Prefetto ed al Governo. Al primo chiede di “sanzionare da subito” l’Ilva per “la mancata osservanza delle prescrizioni” prevista dalla legge ‘salva Ilva’. Al secondo Legambiente chiede di diffidare il siderurgico ad operare affinché sia garantito quanto richiesto dall’Ispra che ha certificato “criticità e le inadempienze” nel corso dell’ispezione compiuta tra il 5 e il 7 marzo. Tali criticità – secondo l’associazione ambientalista – riguardano sia gli interventi di adeguamento degli impianti, sia le pratiche operative utilizzate.

 

Ma Legambiente entra anche nel dettagli e spiega quali siano le violazioni dell’Aia riscontrate dall’Ispra: “superamento della durata delle emissioni visibili durante il caricamento della miscela nelle batterie 9 e 10 della cokeria; superamento del limite di 20 mg/Nmc di concentrazione di polveri per le batterie 9 e 10 e superamento degli stessi limiti di concentrazione di polveri e del limite di 300 mg/Nmc di concentrazione per l’SO2 per le batterie 3, 4, 5, 6 nell’ultimo trimestre di esercizio prima della chiusura; superamento del valore di 25g/t coke nell’emissione di particolato in uscita dalle torri di spegnimento 1 e 3 asservite alle batterie 3, 4, 5, 6 e della torre di spegnimento 7 asservita alle batterie 11 e 12, attualmente in funzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche