08 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 07 Maggio 2021 alle 18:28:42

Cronaca

Coronavirus, Melucci: «Radicale cambiamento»

I mercati settimanali sul territorio comunale chiusi sino al 3 aprile

Rinaldo Melucci
Rinaldo Melucci

«Dobbiamo garan­tire il rispetto delle indicazioni contenute nei Dpcm degli scorsi 8 e 9 marzo, volti al contenimento dell’epidemia da Covid-19. E dove questo non può avvenire per forza di cose, meglio intervenire drasti­camente, secondo un principio di massima precauzione ed evitando ogni forma di assembramento. È per questo che a malincuore, ma per la salute di tutta la comuni­tà, abbiamo deciso di sospendere con apposita ordinanza sindacale odierna tutti i mercati settimana­li sul territorio comunale, almeno sino alla data del prossimo 3 apri­le. Insieme alle Forze dell’Ordine stiamo valutando il da farsi con riguardo alle ville e i parchi co­munali, mentre analoghi provve­dimenti si stanno adottando per gli impianti sportivi e altri plessi comunali, quando non finalizzati alle attività lavorative, sanitarie o comunque necessarie già con­sentite dalle richiamate norme di Governo». A parlare è il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.

«Inoltre, nelle prossime ore pre­vediamo di emettere ulteriore circolare volta a chiarire il mi­gliore atteggiamento che devono tenere gli esercizi commerciali e i luoghi privati nel Comune di Taranto. Siamo consapevoli che si tratti di un grande ma giustificato sacrificio per tutti noi, un radicale temporaneo mutamento del nostro stile di vita. Per tutto questo, ci stiamo interrogando sulle misure economiche e fiscali che potranno essere assunte a sostegno di ope­ratori e categorie della nostra città, nell’attesa che il Governo faccia altrettanto e con maggiore capa­cità col nuovo Dpcm allo studio a Palazzo Chigi. Per esempio, in materia di tributi locali, si provve­derà ad inviare gli avvisi di paga­mento Tari relativi all’anno 2020 per il pagamento con scadenza non antecedente a giugno. Quindi, gli uffici continueranno ad esami­nare le richieste di annullamento/revoca/rettifica dei provvedimenti di accertamento che perverranno nelle prossime settimane, sebbe­ne riferite a provvedimenti defi­nitivi. Nel frattempo, torniamo a raccomandare a tutti di restare per quanto possibile nelle proprie abitazioni. I controlli, le sospen­sioni di licenze e le sanzioni della Polizia Locale saranno costanti e significativi da qui in avanti».

L’assessorato ai servizi sociali ha sospeso le attività dei centri anziani luoghi di aggregazione, d’incontro, di aiuto e contrasto alla solitudine. Per aiutare i cit­tadini in difficoltà, in partico­lar modo gli anziani, le persone immunodepresse e fisicamente fragili a causa di patologie, il Co­mune di Taranto sta provvedendo ad aggiornare una nuova sezione sul sito comunale sulla gestione emergenze coronavirus. In que­sta pagina verranno indicati: 1. Numero verde Regionale per in­formazioni sul coronavirus attivo dalle 8 alle 22 – 800 713931; 2. Centro Operativo Comunale per le emergenze COC – Centrale Radio : 0997323204 fax : 0997350187 – 0997364911; 3. Numero Verde Comunale Pronto Intervento So­ciale da utilizzare in caso di emer­genze sociali attivo 24h 800 955 028-380 9010103; 4. Numeri del segretariato sociale, 0994581786-0994581737-0994581302-0994581825- 0994581310- attivi in orari di ufficio tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 17 il martedì e giovedì; 5. Numero verde Federfarma attivo nei giorni feriali dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 17.30 – 800 189 521 per la fornitura dei farmaci a domicilio; 6. Numeri di tele­fono degli esercizi commerciali che hanno attivato il servizio di consegna domiciliare e categoria merceologica (la seguente sezio­ne verrà aggiornata non appena si acquisiranno le disponibilità dei direttori degli esercizi commer­ciali). “Un po’ di pazienza, qual­che sacrifico e tante cautele servo­no a tutelare i nostri concittadini più fragili e tutti noi. Dobbiamo fermarci – fa sapere l’assessore ai servizi sociali Gabriella Ficocel­li – , rispettare poche regole molto precise e rimanere a casa anche se questo comporta rinunce soprat­tutto per quel che riguarda la so­cialità. Il comune rimane a dispo­sizione fornendo servizi e numeri di pubblica utilità. Ci aspettano giorni con più di un sacrificio e disagio, ma ne usciremo tutti più forti e uniti”.

“Il Comune di Taranto – fa sape­re l’assesore Paolo Castronovi – vara misure specifiche per lo smart working, per contenere ul­teriormente il rischio di contagio da Covid-19. Con il regolamento temporaneo per l’adozione del lavoro agile redatto dalla strut­tura comunale competente, dopo aver informato i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza e il presidente della Rsu i dipendenti dell’ente che si troveranno in par­ticolari condizioni (patologie che espongono maggiormente al ri­schio contagio, utilizzo di mezzi pubblici per raggiungere il luogo di lavoro, responsabilità della cura dei figli a seguito della riduzione dei servizi educativi per l’infan­zia) potranno fare richiesta di esercitare le proprie mansioni re­stando a casa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche