25 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2021 alle 16:09:12

Cronaca

No al centro per l’impiego alla Codignola

Spazio dedicato alla solidarietà. O centro per l’impiego? Sul futuro della ex scuola Codignola si registra l’intervento del consigliere comunale Alfredo Spalluto, del gruppo consiliare Sds Stefàno.

Spalluto protende per la prima destinazione. E suggerisce di far fruttare l’esperienza degli ultimi mesi pensando all’istituzione di un centro di solidarietà. «Lodevole e provvidenziale è stata l’ordinanza del Sindaco Stefàno che ha consentito di accogliere in questi mesi invernali i senzatetto presso l’ex struttura Codignola. E ancor più meritorio ed esemplare è stato l’operato dei volontari dell’Associazione Abfo – dichiara Spalluto – che hanno operato alacremente e senza alcun compenso per il buon esito dell’iniziativa». «D’altronde la struttura ex Codignola fino a pochi mesi fa in comodato alla Provincia versava in un generale abbandono. Invece si è rivelata un’ottima opportunità per aiutare i bisognosi presenti in città».

Un’iniziativa vincente della quale Spalluto riepiloga i dati più significativi ed indicativi dell’opera svolta dai volontari: In questi mesi l’Abfo ha fornito assistenza a numerose persone senza fissa dimora e ad oltre 30 rifugiati di nazionalità africana. Poi ha distribuito beni di prima necessità a circa 120 nuclei familiari di Taranto. Il tutto senza gravare sulle casse del Comune di Taranto ma anzi utilizzando le donazioni private».

Di qui la proposta, che è poi anche un auspicio: «Mi auguro e mi sento già impegnato affinché un’esperienza positiva come questa possa proseguire. Anzi, potenziando l’attività, si può realizzare un importante Centro di Solidarietà polifunzionale. Che non si occupi solo di persone senza fissa dimora ma che possa anche fornire importanti ed utili servizi di solidarietà ed assistenza ad individui e famiglie in difficoltà.
Tra l’altro una città come Taranto ha un bisogno crescente di queste strutture. Naturalmente la struttura ex scuola Codignola abbisogna di un opportuno cambio di destinazione che potrà deliberare il Consiglio Comunale. Stesso cambio di destinazione inevitabile anche se la struttura venisse utilizzata per uffici come propone la Provincia.

Infatti in merito alla proposta avanzata dall’Amministrazione Provinciale in favore del Centro per l’impiego (attualmente in via Carrieri), questa potrebbe essere soddisfatta in altre possibili strutture attualmente non utilizzate o sottoutilizzate come ad esempio la struttura dell’ex nosocomio in via delle Ceramiche oppure l’ex scuola Costa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche