11 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 11 Maggio 2021 alle 21:25:15

Cronaca

Bus fermi, sconto dell’Amat sugli abbonamenti


Tre bus più due torpedoni (che, eccezionalmente, hanno avuto il permesso di transitare sul ponte). E’ su questi sparuti mezzi in circolazione stamattina che si basa il trasporto pubblico tarantino in ginocchio ormai dall’inizio della settimana.

“Per non danneggiare ulteriormente gli utenti del mezzo pubblico in possesso di abbonamento” l’Amat ha intanto deciso che sarà praticato uno sconto sul prossimo abbonamento, proporzionale ai giorni persi per il blocco.

A mezzogiorno l’incontro dal Prefetto che rientra nella procedura di raffreddamento tra azienda e sindacati relativa allo stato di agitazione proclamato venti giorni fa su buoni pasto e badge per gli autisti.

Ma a Palazzo del Governo dovrebbe ‘sbarcare’ anche il caso avarie che sta bloccando la città. I sindacati hanno confermato l’intenzione degli autisti di non far uscire mezzi che non abbiano tutte le dotazioni di sicurezza. In questi giorni la stragrande maggioranza dei bus viene riportata in officina.

Stamattina ce n’erano in circolazione cinque su una media che, nella normalità, oscilla tra gli 85 e i 100.

L’azienda – come si spiega in un ordine di servizio affisso in bacheca – ricorda che i mezzi vengono sottoposti annualmente alla revisione della motorizzazione, e se – come pare stia avvenendo – dopo la riparazione in officina dell’avaria segnalata dall’autista viene evidenziata una spia accesa dipende solo dal software. Spiegazioni che evidentemente non sono bastate. E oggi si vive un’altra giornata di affanno.

Dall’Amat fanno sapere: «In considerazione del perdurante blocco del servizio di trasporto, l’azienda ha deciso di salvaguardare il valore degli abbonamenti di viaggio regolarmente acquistati dagli utenti. Ha stabilito, pertanto, di accordare uno sconto sulla tariffa dovuta per l’acquisto dell’abbonamento successivo proporzionale alla durata del blocco e in ragione dei giorni persi ai fini della validità del ticket. In questo modo l’utente recupera in toto il valore del titolo di viaggio malgrado il suo mancato utilizzo nei giorni di fermo del trasporto pubblico». Dal sindaco è arrivato un appello alla collaborazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche