16 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Maggio 2021 alle 15:41:06

Cronaca

Chiarelli al Pd: “Stop alle guerre personali”


TARANTO – «Un milione di licenziati nel 2012! E’ il dato ufficiale che fotografa la drammaticità della crisi occupazionale italiana; ancora più preoccupante il saldo negativo tra nuovi occupati e numero di lavoratori che lasciano per vari motivi il mondo del lavoro». E’ quanto afferma l’onorevole Gianfranco Chiarelli in relazione ai dati riguardanti i licenziamenti nel corso del 2012. Numeri che danno l’idea delle ripercussioni che la pesante congiuntura economica ha avuto sul lavoro.

«Aziende che chiudono soffocate dai debiti, dalle tasse, dai crediti che lo Stato non onora. Il decreto che, finalmente, avvia qualche pagamento, è solo una goccia d’acqua nell’oceano – afferma il parlamentare del Popolo della Libertà. Non starò qui ad evidenziare come questo sia il risultato di oltre un anno di rigore a senso unico del governo Monti; ciò che preoccupa maggiormente, invece, è la ostinazione con cui una parte del Pd, continua a impedire di fatto la formazione di un governo che affronti subito le tante emergenze che riguardano imprese e famiglie». Gianfranco Chiarelli bacchetta anche il leader del Movimento Cinque Stelle Beppe Grillo che «mentre incita alla rivolta dei forconi, minaccia di occupare Montecitorio, rivelando il suo vero volto, restiamo tutti in attesa che la sinistra, ormai chiaramente divisa tra integralisti alla Vendola che rifiutano il dialogo a prescindere, e realisti che guardano con più responsabilità al futuro dell’Italia, assuma finalmente una posizione fondata sul buon senso. Sarebbe il caso, una volta per tutte, di smetterla con le guerre personali – conclude l’onorevole pidiellino – rispettando quel 30% di italiani che ha scelto il centro destra, e cominciare a discutere di cose da fare, partendo dal confronto dei programmi e delle idee. In questa ottica gli otto punti programmatici di Berlusconi rappresentano uno strumento concreto per avviare un confronto serio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche