26 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 22:33:00

Cronaca

Marò, il caso affidato alla polizia criminale indiana


WCENTER 0XNDCEQJPP Il sottosegretario agli Esteri, Staffan De Mistura (S), con i maro' Massimiliano Latorre (D) e Salvatore Girone a New Delhi (India), 24 marzo 2013. ANSA/MAURIZIO SALVI

Il governo indiano mantiene la promessa e tramonta definitivamente l’ipotesi di possibile pena di morte nei confronti dei fucilieri italiani Latorre e Girone.

Questa mattina, infatti, una delle tv indiane ha confermato che il caso dei marò italiani sarà affidato alla Cbi, la polizia criminale indiana. Scongiurata definitivamente, dunque, l’ipotesi di interessamento della Nia, la polizia antiterrorismo.

Citando fonti del ministero dell’Interno, l’emittente sostiene che questo era l’unico modo per evitare che i due potessero essere accusati di un reato passibile di pena di morte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche