16 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Giugno 2021 alle 18:41:07

Cronaca

Coronavirus, fase 2. Mario Conca: “Fare tamponi preventivi prima dell’apertura delle aziende”

Nota del consigliere regionale Mario Conca al presidente Emiliano.

Operai al lavoro
Operai al lavoro

“Considerato che a partire dal 4 maggio ci sarà un graduale ritorno alla normalità che porterà alla riapertura progressiva di tante attività lavorative, ritengo doveroso attivarsi in maniera preventiva per evitare focolai come quello verificatosi nello stabilimento Siciliani che ad oggi conta già 66 dipendenti covid positivi. A questi si dovranno aggiungere, molto probabilmente, numerosi familiari e loro contatti non ancora tamponati e quarantenati. Insomma, una vera bomba epidemiologica di cui le avevo già scritto e su cui bisognerà fare chiarezza a seguito delle gravi denunce sulle condizioni di lavoro di alcuni dipendenti.
Come potrà leggere dal messaggio che le riporto di seguito, uno dei diversi che ho ricevuto, lavoratori e imprenditori sono seriamente preoccupati di contagiarsi, di contagiare i loro familiari, di alimentare le catene di contagio e di rischiare denunce penali. Come saprà, nelle aziende private, ai sensi del d.lgs 81, è dovere del datore di lavoro tutelare la salute dei propri dipendenti nell’ambito della sorveglianza sanitaria secondo protocolli predisposti dal medico competente e sotto la sua responsabilità. Ovviamente l’interesse del sistema sanitario regionale è enorme, perché, meno tamponi faremo, più contagiati avremo, più gente sintomatica dovremo curare, più risorse spenderemo e più morti conteremo.
‘Signor Mario Conca buongiorno. Mi chiamo Mimmo e lavoro in una azienda di Bari. Il giorno 4 rientriamo a lavoro e siamo più di 20 operai e il nostro datore di lavoro non sa come fare il tampone a tutti noi dipendenti. Sarebbe così gentile da consigliarci come fare? Anche se si paga non ci sono problemi. Grazie in anticipo’
La domanda che le pongo, al fine di poter dare le giuste informazioni a chi mi sollecita, è se è possibile prenotare controlli mirati nelle singole imprese prima dell’apertura delle stesse, anche a loro spese. Infatti, basterebbe un solo dipendente positivo asintomatico per mettere in quarantena l’intera azienda con gravi e ulteriori ripercussioni economiche e sociali”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche