27 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Ottobre 2021 alle 17:59:00

Cronaca

Amiu, Stefàno punta su Federico Cangialosi


Esce Pucci, entra Cangialosi. Questa la mossa approntata dal sindaco Stefàno per risollevare le sorti dell’Amiu. 

Il passaggio di consegne (per il momento solo sulla carta) si è consumato durante l’assemblea dei soci che si è tenuta ieri pomeriggio. E’ stato il primo cittadino a scegliere l’ing. Federico Cangialosi, attualmente impiegato come dirigente esterno della Regione Puglia nell’ufficio Bonifiche e Rifiuti nell’assessorato regionale all’Ambiente.

Per Cangialosi si tratterebbe di un ritorno, o quasi. Nel 2009, infatti, pare sia stato scelto per effettuare una consulenza per conto dell’Amiu. Per lui incarico alla “valutazione dell’incidenza ambientale”. In pratica si sarebbe occupato dell’inceneritore. Il compito del neo presidente sarà quello di risanare l’azienda. Per farlo, avrà a disposizione un anno di tempo. A tanto, infatti, corrisponde il mandato conferito dal sindaco. Difficile, in un arco temporale così ridotto, riuscire a mettere ordine nei conti (da profondo rosso) dell’Amiu. Al momento, i debiti ammontano a circa 44 milioni di euro.

A breve scadrà il termine ultimo per pagare, senza interessi, il debito di oltre 20 milioni di euro con l’Inpdap. La partecipata del Comune, infatti, non ha versato, nelle casse dell’Istituto previdenziale, una cospicua parte dei contributi dei lavoratori. Il rischio, assai concreto, è quello di non riuscire a “spalmare” questa parte di debito attraverso un piano di rientro. In quel caso tutto passerebbe nelle mani di Equitalia.

Ai 44 milioni di euro, poi, bisognerà aggiungere circa 3 milioni di euro per altri contributi non versati (voce contenuta nella relazione Amiu consegnata circa un mese fa al sindaco ed ai consiglieri comunali, ndr). Successivamente, Cangialosi dovrà valutare anche il bilancio 2012, un autentico rebus. Allo stato attuale, infatti, si conoscono le cifre del passivo al 31 dicembre 2011. Il debito, che ora sfiora i 50 milioni di euro, potrebbe attestarsi, secondo i ben informati, su cifre di poco inferiori ai 60 milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche