Cronaca

Operaio Ilva con tumore, i colleghi fanno colletta


Un appello disperato: un operaio Ilva di 36 anni ha bisogno di cure e di assistenza. Ma non ha i soldi necessari per curarsi.

A lanciarlo è il coordinatore provinciale dell’Usb, Francesco Rizzo, che si è rivolto ai vertici dell’Ilva, scrivendo al presidente, Bruno Ferrante e all’amministratore delegato, Enrico Bondi.

Ha chiesto l’autorizzazione a istituire una ‘cassa di solidarietà’ in favore dell’operaio che ha contratto un tumore al collo per due volte nel giro di poco piu’ di un anno e ha bisogno di sostegni economici per curarsi. L’aiuto si concretizzerebbe nel ”libero contributo dei lavoratori tramite la trattenuta delle ore sulla busta paga”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche