Cronaca

Ilva, richiesta di risarcimento da 27milioni


Un vero e proprio ultimatum: se entro il 5 maggio l’Ilva non potrà spedire i prodotti sequestrati dalla Procura di Taranto, partirà una richiesta di risarcimento danni da 27milioni di dollari. Il maxi risarcimento graverebbe sulle tasche dello Stato.

La minaccia dell’Ilva è contenuta nell’istanza per la restituzione dei prodotti sequestrati a novembre 2012. E’ l’ennesimo colpo di scena nel braccio di ferro tra il siderurgico ed i magistrati tarantini. L’azienda crede di avere il coltello dalla parte del manico dopo la sentenza della Consulta che ha stabilito la legittimità della legge cosiddetta Salva-Ilva. I magistrati, invece, insistono sul fatto che della sentenza di fatto si conosce solo il dispositivo e che solo dopo il deposito delle motivazioni si potrà procedere con le azioni conseguenti. 

Insomma, il braccio di ferro continua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche