18 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Maggio 2021 alle 08:41:07

Cronaca

Si fingono podisti per arrestare uno spacciatore


Poliziotti si fingono podisti per incastrare uno spacciatore. Nel tardo pomeriggio di ieri gli agenti della sezione “Falchi” della Squadra Mobile hanno arrestato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il sessantunenne tarantino Francesco Leale.

I poliziotti in borghese da qualche tempo avevano posto sotto osservazione l’uomo, già noto alle forze dell’ordine per precedenti specifici, sospettato di essere dedito allo spaccio di hashish e di cocaina. Nel corso di mirate indagini, gli agenti diretti dal dottor Roberto Giuseppe Pititto, hanno accertato che Leale usava abitualmente un luogo per nascondere la droga, un piccolo attracco per le barche che affaccia nel mar Piccolo, a ridosso della pineta Cimino.

Considerato il posto estremamente isolato, per tenere costantemente sotto controllo il sospettato, senza correre il rischio di essere scoperti, i poliziotti hanno deciso di fingersi podisti e confondersi con i tanti frequentatori della pineta. Nel pomeriggio di ieri, dopo aver notato l’ennesimo arrivo di Leale, a bordo di una moto, ed i suoi movimenti sospetti per approvvigionarsi della sostanza stupefacente lì nascosta, gli agenti che ormai avevano ben chiara tutta la situazione, hanno deciso di intervenire e fermare il presunto pusher.

Nel corso della perquisizione, all’interno di una roulotte in uso a Leale, gli agenti hanno rinvenuto 12 grammi di cocaina allo stato puro, un bilancino di precisione e tutto il necessario per il confezionamento delle dosi. Nel prosieguo dell’operazione hanno recuperato, nascoste sotto delle reti da pesca poste affianco alla roulotte, due grosse confezioni di hashish divisi in panetti per un peso complessivo di un chilo. Il 61enne è stato condotto nella casa circondariale e lunedì prossimo, difeso dall’avvocato Antonio Mancaniello, sarà interrogato dal gip.

Sempre difeso dall’avvocato Mancaniello lunedì comparirà dinanzi al giudice delle indagini preliminari il quarantaduenne Angelo Martera, arrestato nella prima mattinata di oggi dai militari del Comando provinciale della Guardia di Finanza. Nel corso di una perquisizione eseguita nella cantina della sua abitazione, che è situata nel rione Battisti, hanno rinvenuto due chili di hashish. Proseguono senza sosta, quindi, i controlli antidroga delle forze dell’ordine.

Nei giorni scorsi cinque i giovani arrestati a Grottaglie per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo aver notato movimenti sospetti nei pressi di un garage in una via del centro della città delle ceramiche, gli agenti del Commissariato hanno notato anche la massiccia presenza di giovani tale da far supporre l’esistenza di una piccola centrale di spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo alcune ore di appostamento hanno visto arrivare una Mercedes con 5 giovani a bordo i quali si sono poi introdotti nel garage. E’ a quel punto che hanno deciso di intervenire per approfondire le indagini. Fatta irruzione i poliziotti hanno recuperato, nascoste in un mobile, 24 dosi sigillate di cocaina e, sotto il cuscino di un divano, hanno trovato una busta contenente circa 100 grammi di marijuana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche