Cronaca

Taranto, “Bonus Mecenate”, prorogati i termini della open call

Palazzo di città
Palazzo di città di Taranto

L’amministrazione comunale comunica che la scadenza della open call for artists “Bonus Mecenate”, inizialmente prevista per il 30 giugno, è prorogata al 10 luglio sempre alle ore 12, così come indicato sul sito del Comune di Taranto all’indirizzo http://www.comune.taranto.it/index.php/elenco-news//index.php/13-news/2466-proroga-scadenza-della-call-for-artists-bonus-mecenate.

La call è rivolta ai giovani artisti di età compresa tra i 18 e i 35 anni (è ammessa anche la partecipazione di gruppi artistici) e residenti in Italia o in un Paese dell’Unione Europea, i quali dovranno presentare un progetto che, attraverso diverse forme d’arte, rappresenti i cambiamenti che influenzano il nostro modo di vivere nelle città del presente, individuarne criticità e potenzialità, registrare le sfide, anticipare i cambiamenti del futuro. In particolare, i progetti artistici dovranno vertere sul fondamentale tema della transizione della città di Taranto a cui l’amministrazione sta lavorando.

Il budget complessivo disponibile è di 30.000 euro e saranno finanziati un massimo di 10 progetti con un contributo che, comunque, non potrà superare i 5000 euro per singolo progetto. Sarà una giuria tecnica a valutare e selezionare i progetti e definire l’entità del contributo da erogare sulla base delle schede tecniche pervenute.
La partecipazione è gratuita.

Le candidature dovranno pervenire tramite e-mail all’indirizzo culturataranto@comune.taranto.it con oggetto la dicitura “Partecipazione bonus mecenate”.
Le tecniche artistiche ammesse, meglio descritte all’interno del bando, sono: Arte Urbana, Scultura e Installazione, Art Design, Fotografia, Arte Ambientale.
Nel bando sono inoltre indicati i luoghi di massima scelti, ma sarà possibile per gli artisti indicare altri luoghi che riterranno più adatti all’installazione presentata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche