Cronaca

Ecco 145mila euro per sistemare i marciapiedi


TARANTO – Forse a Palazzo di Città qualcuno si sarà finalmente accorto che, quasi sempre, si spende più a risarcire che a ripristinare. 
Ed è così che si è concluso l’iter di aggiudicazione dell’appalto per i “lavori di ripristino e messa in sicurezza dei marciapiedi di competenza comunale” per un importo di poco inferiore ai 145mila euro.

«Con determinazione dirigenziale è stata indetta gara informale per l’affidamento, mediante procedura negoziata, dei lavori in oggetto – si legge in una determina della direzione Lavori Pubblici – da espletarsi con il sistema del prezzo più baso determinato mediante ribasso sull’importo dei lavori a base di gara. E’ stato approvato il progetto per lavori di ripristino e messa in sicurezza dei marciapiedi di competenza comunale ed è stato approvato il quadro economico di spesa».

L’importo fissato a base d’appalto era di «243mila euro + iva. SI è quindi provveduto alla preventiva predisposizioni degli atti di gara. Per la manifestazione d’interesse sono pervenute a questa direzione Lavori Pubblici, le istanze di 89 imprese, di cui 28 escluse. Il 20 dicembre 2012, così come stabilito dall’avviso pubblico si è proceduto al sorteggio della imprese, a cui inviare la lettera d’invito».

Quindi l’aggiudicazione provvisoria, avvenuta il 24 gennaio 2013, quando «il seggio di gara, viste le risultanze scaturite per effetto delle procedure di gara esperite in seduta pubblica, ha attribuito l’aggiudicazione provvisoria all’impresa Effe Emme Costruzioni srl, per l’importo contrattuale di 143.488,03 euro oltre iva, a seguito del ribasso del 33,510% effettuato in sede di gara sull’importo a base d’asta. Tale aggiudicazione è stata dichiarata provvisoria in quanto subordinata al buon esito della verifica del possesso dei requisiti di carattere generale». Quindi il dirigente ai Lavori Pubblici Aniello Moccia decide per l’aggiudicazione definitiva dell’appalto. Un atto che potrebbe permettere ai tarantini di passeggiare senza patemi d’animo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche