26 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 22:33:00

Cronaca

“E dopo il concertone non ci fermiamo”


Dopo il Primo Maggio, il successo del concertone e dopo aver ripulito quell’area a ridosso della città, il Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, torna al Parco archeologico delle mura greche.

Stamattina i portavoce di “quelli dell’apecar” e l’attore tarantino Michele Riondino, tra gli organizzatori del “1o maggio di lotta”, hanno tenuto una conferenza stampa per fare un bilancio dell’evento, ma soprattutto per parlare delle prossime iniziative. Sì perché, già per domani sera, sarebbe partita la macchina organizzativa per una nuova serata di musica, sempre al Parco archeologico delle mura greche, fino a qualche giorno fa sconosciuto a molti.

«Stiamo continuando a lavorare – spiega Valentina Castronuovo, del Comitato. Non ci fermeremo. Il Primo Maggio é stato un successo, grazie a tutti i gruppi di lavoro che continuano ad occuparsi dei nostri programmi, costituiti da professionisti e non, ognuno con le proprie competenze al servizio dell’ambiente e della salute».

Non é mancato l’invito al sindaco Stefàno a valorizzare il Parco archeologico nella conferenza di questa mattina, servita soprattutto a rilanciare l’obiettivo della riappropriazione dei luoghi pubblici. «Vogliamo spingere i tarantini alla partecipazione – ha aggiunto Valentina Castronuvo – e ringraziare le decine di volontari che ieri ci hanno aiutato a ripulire l’area. E’ stato bello vedere gente, che prima non si era mai avvicinata al Comitato, raggiungerci perché sentiva sulle proprie spalle il peso di un bene comune da tutelare e valorizzare. Grazie agli artisti che si sono esibiti gratuitamente e ai commercianti che, senza voler apparire come sponsor, hanno sostenuto l’evento».

La conferenza di stamattina é stata anche occasione per ricordare i prossimi appuntamenti: sempre al parco, lunedì 6 maggio alle 18, ci sarà un’assemblea pubblica e già domani sera un altro concerto. Un successo, quello del Primo Maggio tarantino, che é stato diffuso anche sul web dove, tra l’altro, in queste ore stanno girando video e post di artisti come i Modena City Ramblers, Mietta, Elio e le Storie i quali hanno spiegato che, anziché sul palco di piazza San Giovanni, avrebbero preferito esibirsi a Taranto.

Per fortuna, comunque, sono stati tanti i cantanti che hanno preferito il palco tarantino a quello di Roma, contribuendo al successo dell’evento che ha portato al parco 20.000 persone, secondo l’Agenzia Ansa, oltre 40.000 per gli organizzatori.

«A giorni renderemo pubblico il bilancio dell’evento – aggiunge Valentina Castronuovo – per trasparenza e far capire che con cifre relativamente basse si può fare tanto». Intanto c’é già chi pensa ad una grande festa per il 2 agosto: il “compleanno” del Comitato Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti, il giorno del debutto in strada dell’apecar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche