Cronaca

Un cadavere ripescato in Mar Grande. E’ giallo


Il cadavede di un uomo è stato ripescato stamattina nelle acque antistanti il castello Aragonese, in corrispondenza del monumento ai Marinai.
Un uomo, anziano e ben vestito.

Queste le prime ricostruzioni di quello che si preannuncia un giallo.

A chi ha dato per primo l’allarme è sembrato un manichino. Purtroppo, però, man mano che si avvicinava alla riva si è potuto distinguere il corpo di un uomo.

Nativo della provincia di Bari (è di Alberobello) l’uomo averebbe perso il lavoro e forse questa sarebbe la causa dell’estremo gesto compiuto, qui, sulle rive dello Jonio. Si tratterebbe dell’ennesimo caso di disperazione in un periodo di crisi e di carenza di lavoro.
Sul posto sono prontamente intervenuti i Carabinieri.

Immediate le operazioni per riportare a terra il corpo dell’uomo di 52.  Mezzi e uomini sulla banchina sotto il ponte girevole al lavoro per cercare di ricostruire i fatti.

Operazioni che hanno chiaramente attirato l’attenzione della gente che, incuriosita, assistiva al ripescaggio del corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche