27 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Ottobre 2021 alle 17:59:00

Cronaca

E ora Giuseppe Vignola attacca i sindacati


L’occasione è il convegno sul ‘caso Ilva’ che si svolge a Lecce. Ed è un atto d’accusa senza precedenti, quello del procuratore generale Giuseppe Vignola. “Sull’Ilva si è registrato negli anni un fragoroso silenzio da parte dei sindacati e una disattenzione dei governi che si sono succeduti a livello locale e nazionale”.

Ad ascoltarlo, in platea, anche l’ex presidente della Camera dei Deputati, ed ex sindacalista, Fausto Bertinotti.

Vignola è andato giù pesante, mentre a Taranto rimbalzava la notizia del terzo incidente in due giorni nel siderurgico ionico, criticando quel sindacato che, a suo dire, “ha mantenuto il silenzio nonostante la gravità di una situazione visibile a tutti”, e stigmatiz-zando l’atteggiamento della proprietà, “che dal 1982 non ha mai inteso adempiere alle prescrizioni della magistratura”.

Il dottor Vignola ha poi aggiunto che “la magistratura non poteva prescindere dall’esercizio dell’azione penale” e che la ricerca di soluzioni che possano salvaguardare i diritti a salute e lavoro “non spetta solo alla magistratura ma a tutti i soggetti istituzionali coinvolti nella vicenda”. Non meno forti le parole del presidente della corte d’appello di Lecce, Mario Buffa: “Dopo la legge ad aziendam fatta dal Governo, della cui costituzionalità continuiamo a dubitare anche dopo la pronuncia della Corte costituzionale di cui attendiamo le motivazioni, c’è il rischio che a Taranto tutto resti come prima”, “va mantenuta alta l’attenzione dell’opinione pubblica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche