26 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 22:33:00

Cronaca

Inferno a Genova. Ferito anche un tarantino


C’è anche un tarantino tra le persone rimaste ferite nel tremendo incidente, avvenuto ieri sera, al porto di Genova. Si tratta del 33enne Giorgio Meo (la notizia è stata data dal giornale di Genova Il Secolo XIX).

Una portacontainer, forse per un guasto ai motori, ha urtato una torre di controllo ed è stato l’inferno: sono sette, al momento, i morti accertati, tra cui un pilota e due militari della Capitaneria di porto.

Tre persone risultano ancora disperse. Quattro i feriti, due dei quali sono in gravi condizioni. Sono state già identificate tre delle sette vittime accertate: sono un sottufficiale 33enne di Bisceglie, militare della Capitaneria di Porto di Genova; un 31enne di Livorno, del corpo piloti di Genova e una guardia costiera di 30 anni, di Rapallo. Al Molo Giano si continua a lavorare per cercare di liberare la banchina da ciò che resta della Torre di controllo del Porto, una struttura in cemento alta oltre cinquanta metri. Fra i morti, deceduti per annegamento, ci sarebbe anche una giovane donna. Una delle ipotesi avanzate dai tecnici è che i due motori della nave si siano bloccati, rendendo ingovernabile la portacontainer, che con la poppa avrebbe travolto e fatto crollare il molo e la torre.

La Procura di Genova ha aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio colposo plurimo. La nave in uscita ieri sera dal porto di Genova ha sbagliato manovra, secondo quanto riferito dai testimoni oculari, e ha urtato una torre di controllo che non ha retto all’urto ed è crollata. 

Come detto sono tre le vittime accertate, un pilota e due militari della Capitaneria di porto, ma sono ancora sei i dispersi e vengono cercati in acqua e sotto le macerie della torre piloti distrutta.

Tre persone si trovavano nell’ascensore della torre al momento del crollo, stando alle prime testimonianze. Uno squillo di cellulare arrivato nel cuore della notte dalle macerie della torre ha fatto vivere qualche momento di speranza.

Presto però, il telefonino ha smesso di squillare, rendendo impossibile la localizzazione. La nave è una portacontainer del 1976 . Partiva da Genova, diretta a Napoli. Ha una stazza di 40.594 tonnellate, è lunga 239,26 metri ed è larga 30,50 metri. L’urto con la torre piloti è stato violentissimo. La torre si è abbattuta su una palazzina, distruggendola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche