03 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Agosto 2021 alle 22:56:00

Cronaca

Automobilista investe vigilante e fugge


Pretendeva di entrare con l’auto nel parcheggio interno dell’ospedale e, quando una vigilante le ha detto che non poteva, lei ha ingranato la marcia, ha investito la guardia giurata ed è fuggita.

La malcapitata dopo l’impatto con la macchina ha urtato violentemente il corpo contro il cofano riportando contusioni al collo, alla spalla e alla regione sacrale.

Prima di allontanarsi dal nosocomio di via Bruno, l’automobilista, una donna di mezza età, ha avuto una discussione con una collega della vigilante che ha anche tentato di bloccarla senza, però, riuscirvi.

La vigilante, investita solo per aver fatto il suo dovere, è stata subito accompagnata al pronto soccorso, medicata e giudicata guaribile in dieci giorni. Se l’è vista davvero brutta. Sul posto sono intervenuti i poliziotti della Squadra Volante i quali hanno immediatamente avviato le indagini per identificare l’automobilista che rischia una denuncia per omissione di soccorso e lesioni personali.

Non è escluso che gli investigatori possano identificarla grazie alle riprese filmate del sistema di videosorveglianza della porta carraia. Le telecamere potrebbero aver ripreso tutta la scena. Non si sa se abbiano immortalato l’automobilista che si è data alla fuga o se abbiano ripreso il tipo di macchina e il numero di targa.

Un episodio inquietante che avrebbe potuto provocare danni più seri alla guardia giurata in servizio all’ingresso dell’ospedale “SS. Annunziata” dove le situazioni critiche non sono poche. Spesso i vigilanti in servizio alla porta carraia dell’ospedale sono ingiuriati e anche minacciati da automobilisti che non intendono rispettare le regole e che pretendono, a tutti i costi, di parcheggiare nell’area interna del nosocomio. Lanciano ogni tipo di improperio al loro indirizzo e il parcheggio selvaggio può anche provocare problemi, ad esempio, alla corsia riservata ai mezzi di soccorso. Dov’è finita la di civiltà?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche