02 Agosto 2021 - Ultimo aggiornamento il: 02 Agosto 2021 alle 17:57:00

Cronaca

Picchiato a sangue nostro “strillone”


GROTTAGLIE – Uno “strillone” di Taranto Buonasera picchiato a sangue dal titolare di una azienda che ha sede nella cittadina delle ceramiche. Disavventura per un nostro collaboratore, un trentunenne tarantino, che è finito in ospedale per un trauma cranico e per lesioni a una costola e al volto. Ora tramite l’avvocato Maurizio Besio la vittima ha presentato denuncia al locale Commissariato di Polizia per il reato di lesioni personali aggravate dai futili motivi. L’aggressione è avvenuta nei giorni scorsi in una via di Grottaglie. Lo “strillone” che da un pezzo vendeva il quotidiano al titolare di una ditta del posto ha avuto un litigio con quest’ultimo per motivi banali.

L’imprenditore lo ha minacciato e gli ha intimato di non passare più dalla sede della sua azienda. Nel corso dell’ultimo battibecco il proprietario della ditta ha malmenato lo “strillone” di Taranto Buonasera. Il malcapitato, che è rimasto a terra dolorante e con il volto insanguinato, ha chiesto aiuto ai passanti. Sul posto sono intervenuti i soccorritori del 118 i quali con un’ambulanza lo hanno trasportato all’ospedale San Marco. I medici del pronto soccorso gli hanno suturato una ferita all’arcata sopracciliare, riscontrando anche un trauma cranico e la lesione ad una costola, giudicati guaribile in un mese. Un episodio inquietante che ha spinto il nostro collaboratore a rivolgersi ai poliziotti del locale Commissariato. Purtroppo in passato altri “strilloni” di Taranto Buonasera sono finiti nel mirino. In passato aggressioni sono avvenute soprattutto nelle vie del capoluogo jonico. Qualche volta è anche accaduto che i nostri collaboratori siano stati presi di mira da balordi che li hanno minacciati o picchiati con l’intento di impossessarsi del ricavato delle vendite dei giornali. L’ultima aggressione, la settimana scorsa, quando uno “strillone” che lavora a Grottaglie è stato picchiato a sangue per motivi davvero banali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche